Home > Ultima ora turismo > Forlì, l’aeroporto “Ridolfi” suona la carica: “Il turismo romagnolo riparte da qui”

Forlì, l’aeroporto “Ridolfi” suona la carica: “Il turismo romagnolo riparte da qui”

Il primo volo atterrerà il prossimo 1 dicembre in arrivo da Monaco di Baviera. Ma già il prossimo 28 ottobre la pista sarà ufficialmente operativa ancora prima del taglio del nastro previsto con tutta probabilità a fine novembre. A Forlì, intanto fervono i preparativi per la riapertura dello scalo “Ridolfi”. Il periodo non sembra sorridere agli scali aeroportuali, soprattutto quelli minori, ma F.A. Airport lascia intendere di navigare a vele spiegate e con il vento in poppa.

Sono stati annunciati decine di voli molti dei quali, per quel che riguarda le tratte, già appannaggio del vicino Aeroporto Federico Fellini di Rimini a cui l’emergenza sanitaria sembra aver momentaneamente tagliato le ali.  La compagnia Lumiwings, ad esempio, ha scelto l’Aeroporto di Forlì come propria base operativa e che dal 1° dicembre 2020 effettuerà voli commerciali di linea verso l’Est Europa (Romania, Polonia, Moldavia, Repubblica Ceca, Ucraina) con frequenze giornaliere.

Air Dolomiti servirà invece la tratta Forlì Monaco.

Ma non ci sono solo i voli. Perchè da F.A. sarl, la società che gestisce lo scalo, spiegano che “È iniziata la fase operativa tra l’aeroporto Ridolfi di Forlì e la DMC InRomagna”. La società per la cronaca affonda le radici in tutte i territori della Romagna eccetto il capoluogo romagnolo, dato che è promossa da Confcommercio e Confesercenti di Cesena, Forlì e Ravenna e si è costituita il 5 ottobre, spiegano ancora da F.A. srl  “con l’obiettivo di rilanciare il turismo romagnolo”.

Questa mattina il presidente di F.A. srl Giuseppe Sivestrini e l’Amministratore Delegato Sandro Gasparrini hanno ricevuto la visita del presidente della DMC Augusto Patrignani e della vicepresidente Monica Ciarapica, definendo gli uffici dove InRomagna si insedierà e dove sarà operativo il manager della società, che sarà ufficializzato nei prossimi giorni. Durante l’incontro si è parlato anche dei piani futuri, con la precisa finalità di sviluppare proposte congiunte tra le due società sulla base di un unico comune obiettivo. L’incremento dei flussi turistici sul territorio e l’innalzamento dell’indice di internazionalizzazione.

All’interno del Ridolfi, InRomagna avrà un ufficio a stretto contatto con quelli della Direzione di F.A. srl ed un front office nell’aerostazione: entrambe le postazioni saranno attive negli stessi tempi in cui sarà operativo l’aeroporto forlivese.

La Dmc – spiegano dalla società – metterà anche a disposizione degli operatori turistici strategie per sviluppare proposte innovative anche di tipo esperienziale e lavorerà in stretta sinergia con le compagnie aeree.”

Scroll Up