Home > Cultura e Spettacoli > Archeologia > Furto da 16mila euro in cantiere archeologico nel cuore di Rimini

Furto da 16mila euro in cantiere archeologico nel cuore di Rimini

Un’attrezzatura da 16mila euro rubata in pieno giorno nel centro di Rimini. E’ la disavventura capitata alla società adArte, specializzata in ricerche archeologiche, che da qualche settimana sta lavorando in un cantiere di piazzale Gramsci.

Il furto è avvenuto lo scorso giovedì 10 novembre verso le 13.30. Gli archeologi si trovanoo in quel momento tutti insieme all’interno dello scavo; pochi minuti durante i quali era rimasta in superficie una cassetta contente un rilevatore GPS-GNSS Trimble. Una costosa attrezzatura utilizzata dai geologi, ma anche in archeologia, per rilevare esattamente le posizioni tramite radar: tutte le ricerche di adArte sono geolocalizzate.

Sono bastati quei pochi istanti perchè il GPS da 16mila euro scomparisse nel nulla. Probabilmente un malintenzionato si era introdotto nel cantiere e aveva arraffato la prima cosa notevole capitata a tiro, senza neppure rendersi conto di cosa stava portando via.

Il cantiere in piazzale Gramsci colpito dai ladri

“Per noi è un danno gravissimo – dice Marcello Cartoceti di adArte – ma nemmeno per il ladro non credo sia stato un colpo vantaggioso. Si tratta di apparecchiature molto specialistiche con un utilizzo ristretto e all’interno contengono codici identificativi che certo non ne agevolano lo smercio, nemmeno sul mercato illegale”. Il furto è stato denunciato ai Carabinieri, che si stanno occupando del caso.

AdArte sta effettuando i sondaggi preventivi in un’area dove è stata abbattuta un’abitazione per essere sostituita da un nuovo fabbricato.  Qui le verifiche sono obbligatorie in virtù della legge regionale, poichè la zona di piazzale Gramsci è fra quelle di massimo interesse dal punto di vista archeologico; basti pensare ai mosaici trovati durante la costruzione del vicinissimo Mercato coperto. In epoca romana doveva trattarsi di un quartiere signorile con numerose Domus e i continui ritrovamenti lo hanno confermato. Soprattutto a fine Ottocento, quando intorno al ritrovato Anfiteatro fu costruito un rione di villette, emersero numerosi reperti anche di grande consistenza, come rocchetti di colonne e grossi marmi.

Ultimi Articoli

Scroll Up