Home > Ultima ora economia e lavoro > G20s a Cattolica: servono aiuti straordinari per i Comuni balneari

G20s a Cattolica: servono aiuti straordinari per i Comuni balneari

E’ stato un incontro cordiale ma fermo nei punti da affrontare quello che si è tenuto ieri in  videoconferenza tra i  Sindaci dei Comuni balneari del G20s e il Sottosegretario all’Economia On. le Pier Paolo Baretta.

I temi urgenti posti sul tavolo discussione ieri e illustrati dal Sindaco di Castiglione della Pescaia Giancarlo Farnetani e il Sindaco di  San Michele al Tagliamento – Bibione Pasqualino Codognotto riguardavano: rimodulazione del fondo di solidarietà, interventi a sostegno di imprese e lavoratori della filiera turistica (CIG, NASPI), interventi a sostegno dei bilanci comunali. 

Nell’attesa che vengano definite le date di apertura della stagione turistica – data chiesta a gran voce dai Sindaci nei diversi tavoli di confronto aperti in queste settimane – e  i protocolli sanitari per rendere agibili tutti i servizi legati all’attività turistica dei territori, si è discusso con il Sottosegretario delle diverse criticità  che stanno investendo i Comuni i questo periodo e nei prossimi mesi.

Come la rimodulazione urgente del Fondo di solidarietà per i comuni balneari: è indispensabile, secondo i sindaci, che siano riviste le modalità di prelievo del Fondo di solidarietà, se non addirittura sospese, per permettere di salvare il comparto turistico. Se permanesse l’attuale normativa, si metterebbero a rischio centinaia di migliaia di posti di lavoro non solo in loco ma anche in aziende che, pur avendo sede in altri comuni, beneficiano proprio delle presenze turistiche per il consumo e l’utilizzo dei loro prodotti. Introducendo anche la richiesta al Sottosegretario di riconoscere lo status di “Città Balneare”, in considerazione del fatto che i comuni balneari sono città con flussi di presenza diversificati durante l’arco dell’anno.

Sostegno ai lavoratori della filiera turistica. Ad integrazione ed estensione di quanto definito nel DPCM di marzo, si richiede che vengano ricompresi tutti quelle tipologie di lavoratori stagionali che non sono definiti contratti nazionali di lavoro o da codici Ateco.

Naspi prorogata fino all’apertura effettiva delle imprese turistiche.

Sospensione del pagamento dei canoni demaniali almeno fino a tutto il 2021. L’economia dei Comuni balneari deriva dall’accessibilità del litorale e dai servizi che su questo vengono resi ai turisti. Per attrezzare le spiagge per il 2020 gli stabilimenti balneari dovranno già far fronte alle spese straordinarie derivanti dalle mareggiate di novembre 2019. L’emergenza epidemiologica attuale fa sì, inoltre, che pochissimi siano i posti spiaggia prenotati per i futuri mesi. – Serve esonerare gli stabilimenti balneari per gli anni 2020 e 2021 dalla corresponsione dei canoni demaniali ad eccezione dei Comuni per i quali risulta in vigore una normativa speciale. 

Sull’IMU la richiesta avanzata è quella di riduzione o rimodulazione del prelievo fiscale, mentre per la Tari si richiede l’intervento per la rimodulazione del calcolo della tariffa in considerazione della stante emergenza e dell’impossibilità di adeguarla al 2019.

Il Sottosegretario Baretta, nel suo intervento e in risposta alle richieste dei Sindaci, ha confermato che le richieste troveranno spazio all’interno del prossimo decreto “maggio”; 3 miliardi sono già stati stanziati per i Comuni e si sta lavorando per predisporne altri 10, che dovrebbero consentire un avvio di liquidità dei Comuni stessi per i prossimi mesi. Per i lavoratori ci sarà la proroga di altre 9 settimane della CIG, un prolungamento della Naspi e per coloro che non possono beneficiare di questi ammortizzatori, è allo studio un eventuale “reddito d’emergenza”.

A livello europeo si sta lavorando per definire dei “corridoi” che  consentano la mobilità delle persone – e quindi anche dei turisti –  con il coinvolgimento di tutti i Paesi, scongiurando cartelli che si potrebbero creare tra  Paesi “contigui”.

Per le famiglie che vogliono trascorrere le vacanze nelle destinazioni italiane è allo studio un “bonus vacanza”  per sostenere il sistema turistico italiano e immettere liquidità nel sistema economico.

Il Sottosegretario ha manifestato più volte durante l’incontro la disponibilità a continuare il dialogo per la ridefinizione di un pacchetto di interventi, Una strategia che vada oltre quella di emergenza e che consenta di risistemare almeno per un periodo di tempo medio la gestione dei bilanci, consentendo una flessibilità ai Sindaci che appare assolutamente necessaria. Riconoscendo ai comuni turistici un valore strategico per il rilancio del Paese nei prossimi anni.

Da parte dei Sindaci del G20s continua il dialogo con il Governo, oltre alla data di apertura servono certezze e aiuti per imprese e comuni. È’ stato confermato durante l’incontro che i protocolli sanitari sono in dirittura d’arrivo, “e questa è un’ottima notizia!” I Sindaci sono pronti a partire già dal 1 giugno – come già ribadito alla On.le Bonaccorsi nell’incontro di lunedì scorso.

Ultimi Articoli

Scroll Up