Home > Ultima ora politica > La gaffe della deputata forlivese di Forza Italia Vietina sull’aeroporto di Rimini

La gaffe della deputata forlivese di Forza Italia Vietina sull’aeroporto di Rimini

La parlamentare di Forza Italia Simona Vietina, di Cesena, ha fatto una interrogazione al Governo ed al Ministero dei trasporti per chiedere di riaprire l’aeroporto di Forlì in occasione della chiusura di 5 giorni (14 settembre-18 settembre) dell’aeroporto Marconi di Bologna. Nell’interrogazione ciò che emerge è una totale non conoscenza di cosa sta succedendo negli aeroporti romagnoli. Infatti la deputata sostiene che l’aeroporto di Rimini è solo estivo e collega solo poche tratte. Quindi? Meglio utilizzare l’aeroporto di Forlì che è completamente chiuso da anni.

Il testo dell’interrogazione:
– l’aeroporto Marconi di Bologna ha annunciato la chiusura per 5 giorni nel mese di settembre (dalle ore 00.001 del 14 settembre alle ore 06.00 del 18 settembre 2018) per poter eseguire dei lavori di rifacimento di un ampio tratto della pavimentazione per la lunghezza di circa un chilometro e rifacimento della segnaletica;
– si legge su tutti i quotidiani che per coloro che hanno prenotato voli debbano rivedere i propri programmi contattando la propria compagnia aerea con grave disagio per tutti;
– le compagnie aeree hanno già cancellato i voli per il periodo sopra indicato e hanno dirottato alcuni di questi su scali alternativi ma molto distanti dal capoluogo emiliano romagnolo;
– l’unico aeroporto funzionante della nostra regione è Bologna, a parte Rimini soprattutto per il periodo estivo (nella prima stesura figurava “per il solo periodo estivo”, ma dopo il nostro articolo l’on. Vietina a provveduto a correggere quel che viene definito un “refuso”, ndr) per effettua pochissime tratte;
– il periodo di chiusura è interessato da tanti vacanzieri che giungono nella nostra regione e nelle coste adriatiche e nell’appennino;
– il perodo di chiusura dell’aeroporto comprende la fine e l’inizio di settimane diverse con complicazione per i rientri di coloro che viaggiano per lavoro e per vacanza.
Si chiede ora al Governo ed al Ministro dei Trasporti come voglia far fronte a tale problematica e se i voli, per il periodo di chiusura dell’aeroporto possano essere dirottati nella struttura di Forlì da tempo dimenticata, ma già utilizzata in occasione della visita del Presidente Mattarella a Forlì o se i lavori possono essere svolti a brevi intervalli per evitare i disagi.

Ultimi Articoli

Scroll Up