Home > Cronaca > Gianni Fucci, Santarcangelo ha perso l’ultimo del “Circal de’ giudéizi”

Gianni Fucci, Santarcangelo ha perso l’ultimo del “Circal de’ giudéizi”

La stèla ad Nadêl 2012

Parchè tótt ste sgumbói sòura la Tèra?
Dvè ta t vólt l’è lurdéura e coruziòun;
u n gn’è paèis purètt ch’u n séa in guèra,
e’ séns dla vêita l’è cmè un’ilusioun.

T’ògni zità e’ vòunta la spurchêra;
tal chêsi al dòni al mór par la pasiòun
malégna d’ómman ch’i à un’idéa avêra:
che al dòni u n séa êlt che posesiòun!

Dvè ch’l’è andêda la luce de bón séns,
e’ tremòur dla bontà di sentimént?
L’è sémpra stê valéur univêrsel!

L’òmann l’à pérs e’ mònd? Mè a ne péns.
A sint cl’artunarà chi béi mumént:
la vén ênca st’àn la stèla de Nadêl!

La stella di Natale 2012.
Perché questo scompiglio sulla Terra? / Dove ti volti è lordura e corruzione; / non c’è paese povero che non sia in guerra, / il senso della vita è pura illusione.

Ogni città rigurgita mondezza;
muoiono donne in casa per la passione / maligna d’uomini ch’han l’idea-schifezza / che le donne siano solo possessione!

Dov’è andata la luce del buon senso, / il fremito della bontà del sentimento? / E’ da sempre valor universale!

L’uomo ha perduto il mondo? Non lo penso. / Sento che tornerà quel bel momento: / pur st’anno vien la stella di Natale!

22 marzo 2014. Gatteo Mare. Gianni Fucci con la poetessa Lidiana Fabbri alla premiazione del Concorso di Poesia Dialettale Andreucci e Ceccarelli

Questa notte è scomparso l’ultimo dei grandi del “Circolo del giudizio” di Santarcangelo di Romagna: Gianni Fucci (1928-2019). Scrittore, poeta, storico. Nonché bibliotecario. Un amico.

Ricevere il suo sonetto d’auguri (quello sopra è del Natale 2012) a Natale, firmato Mafalda e Gianni Fucci, è stato sempre un piacere enorme. Ricordava Annalisa Teodorani: “Gli auguri di Gianni sono un megafono che riverbera l’eco di una condizione umana sempre più in difficoltà stretta nella morsa di un benessere appannaggio di pochi e una dilagante miseria, anche spirituale, che accomuna una crescente moltitudine. Ma lo sguardo del fanciullo, che è nel poeta prevale sopra tutto lo sfacelo”.

Ci saranno tempi e modi per ricordarlo. Santarcangelo sicuramente lo farà. Ma oggi piangiamo la scomparsa di un intellettuale schivo, consapevole di aver fatto parte di una combriccola di artisti geniali e straordinari, e di aver partecipato, attraverso il dialetto santarcangiolese, ad una straordinaria avventura culturale del Ventesimo secolo in Italia.
Ciao Gianni.

Paolo Zaghini

(nell’immagine in apertura, 24 agosto 2015, Festa de L’Unità a Santarcangelo: incontro sulla poesia dialettale con Gianni Fucci)

Scroll Up