Home > Ultima ora politica > Giannini (PD): “Risultato deludente, punito il riformismo”

Giannini (PD): “Risultato deludente, punito il riformismo”

Il risultato è evidentemente deludente per il centro sinistra. È stato punito chi ha governato questi anni in un quadro complicato. È stato punito, anche in Italia come già in Europa, il riformismo: il vento tira da un’altra parte e a sinistra del Pd non è rimasto praticamente nulla“. Allarga le braccia Stefano Giannini, Segretario provinciale del Partito Democratico e Sindaco di Misano Adriatico, dopo la clamorosa sconfitta locale e nazionale del centrosinistra.

“Venendo al dato locale il centro sinistra non avrà un parlamentare; Spiace per Tiziano Arlotti e Sergio Pizzolante, che sono stati ottimi deputati, che vanno ringraziati per quanto hanno fatto in questi 5 anni per il nostro territorio. Auguro a Antonio Barboni, Elena Raffaelli e Giulia Sarti un buon lavoro, con l’auspicio che possa essere proficuo per la nostra comunità.”

“I netti vincitori delle elezioni – prosegue il segretario provinciale – sono il Movimento 5 stelle e la Lega. Che ora dovranno governare, peraltro in una situazione che il centro sinistra lascia molto migliore di quella che 5 anni fa ha trovato. Leggo che sia Di Maio che Salvini si sono proposti per questo compito, come è giusto secondo le regole della democrazia. Deciderà Mattarella secondo le regole della Costituzione. Questa è la democrazia. Le elezioni servono per decidere chi deve prendersi la responsabilità di governare ed il responso delle urne è stato chiaro”

Quanto al Pd, “Io credo che il riformismo del Partito Democratico, dopo un doveroso esame delle scelte e dell’azione di questi anni, potrà essere in futuro, sia a livello locale che a livello nazionale, la proposta più giusta e più utile per le nostre comunità locali e per il nostro Paese“. 

Giannini ci tiene poi ringraziare tutti i militanti del Partito Democraticoper l’impegno e la passione profusa in queste settimane, che non è certo mancata”.

Commenta la débâcle delle elezioni anche la candidata del Partito Democratico nel listino proporzionale della Camera e consigliera comunale Giorgia Bellucci. “Abbiamo perso, il segretario si è dimesso”. Ma non è il momento di arrendersi. “Ora dobbiamo solo ripartire, – osserva la consigliera – analizzare gli errori fatti e cercare di non ripeterli più in futuro. Ci siamo allontanati dalla nostra gente, dobbiamo ritornare fra loro. Domani è un’altro giorno e DEVE essere migliore di quello di oggi. Grazie a chi ha lavorato in questa campagna elettorale, grazie a tutti i volontari e a chi ci ha dato fiducia. Buon lavoro a chi dovrà formare un governo. Noi stiamo dalla parte dell’Italia“.

Scroll Up