Home > La puèšia ad Muratori > Gišó Bambèin, a sém sè camèin šmòrt!

Gišó Bambèin, a sém sè camèin šmòrt!

Um dispièš Gišó Bambèin,
ch’an ti pòs zènd e’ camèin,
chèuša la dispusiziòun,
de guvèrne dla Regiòun.

U n’è per còlpa mia,
se fós per mè al zèndaria,
te mèz u jè la Regiòun,
ch’ lan vò sintì rašòun.

Al sò che la séra ad Nadèl,
sèinza e’ fóg la bóta mèl,
mo s’in la vò capì,
mè an sò pròpi cuša dì.

A stém sè camèin šmòrt,
per dét un po’ d cunfòrt,
quand t ci arivat da mè,
at pripèr lat e cafè.

E pu at zènd la stufa a gas,
quand e’ frèd u t’è pas,
a fém la végia ad Nadèl
e té t ci e’ Bambinèl.

A t’ò fat te camèin,
la cóna s’un piumèin,
e’ prèšépi a ne faz pió
ch’an scuntènt ch’i ne vò.

Mo té nu ciaptèla a mèl,
ò l’èrbur d Nadèl,
ecologic tót ad chèrta,
a l’ò tólt in ufèrta.

L’è fint mo tènimòdi,
té t an guèrd ma stal ròbi,
giustamèint e’ Signór,
l’usèrva e e’ lasa còr.

Mè a t’ò avišè,
quand che t’ariv iqué,
e tròv e’ camèin šmòrt,
nu guèrdme mèl e stòrt.

E nu dmandme surprèš,
cume mai ch’ u n’è zèš?
Adès che t ci infurmèd,
t ariv zà priparèd.

Ivano Aurelio Muratori

GESÙ BAMBINO, SIAMO
COL CAMINO SPENTO!

Mi dispiace Gesù Bambino,/ che non ti posso accendere il camino,/ a causa della disposizione,/ del governo della Regione.

Non è per colpa mia,/ se fosse per me lo accenderei,/ nel mezzo c’è la Regione/ che non vuole sentir ragioni.

Lo so che la séra di Natale,/ senza il fuoco butta male,/ ma se non la vogliono capire,/ io non so proprio cosa dire.

Stiamo col camino spento,/ per darti un po’ di conforto,/ quando sei arrivato da me,/ ti preparo latte e caffè.

E poi ti accendo la stufa a gas,/ quando il freddo ti è passato,/ facciamo la veglia di Natale,/ e tu sei il Bambinello.

Ti ho fatto nel camino,/ la culla con un piumino,/ il presepe non lo faccio più,/ che non scontento chi non lo vuole.

Tu non prendertela a male,/ ho l’albero di Natale,/ ecologico, tutto di carta,/ l’ho preso in offerta.

È finto ma tanto,/ tu non guardi a queste cose,/ giustamente il Signore,/ osserva e lascia correre.

Io ti ho avvisato,/ quando arrivi qui,/ e trovi il camino spento,/ non guardarmi male e storto.

E non domandarmi sorpreso,/ come mai non è acceso,?/ Adesso che sei informato arrivi già preparato.

Ultimi Articoli

Scroll Up