Home > Eventi Cultura e Spettacoli > “Gli antichi frutti d’Italia si incontrano a Pennabilli”: al via la XIV edizione

“Gli antichi frutti d’Italia si incontrano a Pennabilli”: al via la XIV edizione

“Gli Antichi Frutti d’Italia si incontrano a Pennabilli”, la manifestazione dedicata agli antichi frutti e alle tradizioni contadine, torna il 25 e 26 settembre nel borgo che Tonino Guerra, poeta e sceneggiatore, aveva scelto come sede della sua casa e della sua vita. Un fine settimana per mantenere vivo il rapporto con la terra ed i suoi prodotti, volgendo uno sguardo al passato senza essere nostalgici. In questi due giorni si celebra il mondo rurale, la tradizione, la civiltà contadina, come decisa esortazione per il presente, perché solo attraverso la memoria c’è coscienza: ricordare è ripartire.
La XIV Edizione della manifestazione è intitolata al Giardino Pietrificato di Bascio, che l’Associazione Tonino Guerra intende restaurare entro il 16 marzo 2022, prossimo compleanno di Tonino, restituendo ai celebri Tappeti posizionati intorno alla Torre di Bascio l’originario splendore, rendendo nuovamente godibile un luogo carico di suggestioni e magia. E’ possibile partecipare alla raccolta fondi Salviamo il Giardino pietrificato di Tonino Guerra.
La XIV Festa dei Frutti è la prima dalla scomparsa di Gianni Giannini, amico prezioso per Tonino e non solo, colui che portò il Poeta tra le colline della Valmarecchia dando vita a progetti, luoghi e idee che ci emozionano ancora oggi e per questo è a Lui dedicata l’Edizione 2021. Grazie Gianni!
“Gli Antichi Frutti d’Italia si incontrano a Pennabilli”, organizzato dall’Associazione Culturale Tonino Guerra, anche quest’anno porta nell’antico borgo, oltre al mercato dei frutti antichi e delle piante, mostre, incontri culturali e scientifici dedicati all’agricoltura, alla biodiversità, al paesaggio e alle tradizioni eno-gastronomiche. Una festa per ammirare le meraviglie della natura e conoscere contadini e vivaisti che con dedizione custodiscono antiche sementi, per gustare la dolcezza di frutti speciali, selezionati nei secoli dalla sapienza contadina e assaporare prodotti gastronomici del Montefeltro. Un’esposizione pomologica per stupirsi delle innumerevoli varietà esistenti. Un mercato per valorizzare il lavoro degli artigiani. Un incontro per condividere esperienze, idee e progetti per il futuro. Un luogo “per dimenticare la nostra fretta e aspettare l’anima”.
Il programma si sviluppa come di consuetudine su due giornate:

PROGRAMMA SABATO 25 SETTEMBRE 2021
Sabato 25 si apre la giornata alle ore 11.00 presso la sede dell’Associazione Culturale Tonino Guerra, con un appuntamento organizzato in collaborazione con l’Associazione Nazionale Case della Memoria: Tra ricette e curiosità, il rapporto dei grandi personaggi con la cucina, durante il quale viene presentato il libro “A tavola con i grandi”, edito a cura di Marco Capaccioli e Adriano Rigoli. Dialogheranno con gli autori Lora Guerra e Salvatore Giannella.
Alle 15.00 presso l’Orto dei Frutti Dimenticati si inaugura la XIV Edizione della Festa degli Antichi Frutti alla presenza delle Autorità e dei rappresentanti delle Associazioni “Tonino Guerra”, Coldiretti e “Parco Sasso Simone e Simoncello”, riuniti nel luogo ideato da Tonino Guerra come un vero e proprio “museo dei sapori”.
Alla stessa ora, nella Piazza Vittorio Emanuele II, si apre il Mercato dei frutti e delle piante antiche, di prodotti alimentari tipici del Montefeltro e di artigianato qualificato. Vivai specializzati nel recupero di antiche sementi propongono alberi da frutto selezionati dalla secolare sapienza contadina e banchi colmi di infiniti generi e ricchezze della natura, aziende locali presentano i prodotti tipici del Montefeltro mentre la parte dedicata all’Artigianato qualificato e artistico affianca ai prodotti della natura, oggetti e manufatti che hanno molto da raccontare.
Nella adiacente Chiesa di San Filippo, sempre alle 15.00, si apre la Mostra nazionale pomologica e della biodiversità, una preziosa esposizione di antiche varietà, provenienti da diverse Regioni italiane, collocata in una chiesa del XVIII sec: un’esplosione di colori, profumi, sapori all’interno della settecentesca chiesa di San Filippo, un luogo che si sposa perfettamente con la sacralità e l’importanza dei prodotti esposti. La mostra è un’occasione unica di vedere riunite le eccellenze ortofrutticole regionali.
Segue alle 17.00 presso il Teatro Vittoria, il convegno promosso da Visit Romagna e organizzato dall’Associazione Tonino Guerra in collaborazione con APT Servizi Pennabilli anteprima dell’autunno nei borghi: l’importanza della biodiversità tra territorio, storia e prodotto. Partecipano Chiara Astolfi (Visit Romagna), Cinzia Dori (GAL Valli Marecchia e Conca), Isabella Dalla Ragione (Fondazione Archeologia Arborea), Pieralberto Marzocchi (Cooperativa agricola Valmarecchia Bio Natura), Davide Cangini (Fiera del Tartufo di Sant’Agata Feltria), Riccardo Agostini (Ristorante Il Piastrino).

PROGRAMMA DOMENICA 27 SETTEMBRE 2020
La mattina di domenica si apre alle ore 10.30 nell’Orto del Convento delle Monache Agostiniane con l’incontro Gli orti dei Monasteri, a cura di Laura Giamperi (Università di Urbino).
Alle ore 11.00 al Teatro Vittoria di Pennabilli è previsto il convegno Poesie nel Paesaggio, un’arte della trasformazione, una vera e propria riflessione sul paesaggio insieme a Bernard Lassus, paesaggista francese di fama internazionale in remoto da Parigi, con Raffaele Milani (Università di Bologna), Andrea Guerra (Associazione Tonino Guerra) e Luca Cesari (Accademia di Belle Arti di Urbino).
La giornata prosegue in collaborazione con IT.A.CA’. il Festival del Turismo Responsabile presso la sede del Musss – Museo Naturalistico, CEAS e Centro Visite del Parco Interregionale del Sasso Simone, con Respirare il Parco: Abitare e aggregare le comunità del territorio. Al convegno partecipano: Augusto Ciuffetti (Università Politecnica delle Marche), Patrizia Vita/Chiara Caporicci (C.A.S.A. – Cosa Accade Se Abitiamo), Lino Gobbi Parco Interregionale del Sasso Simone e Simoncello), Fiorenzo Rossetti (Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi), Roberto Sartor (Chiocciola La Casa del Nomade), Paolo Piacentini (Federtrek), Gigi Mattei Gentili (Associazione Tonino Guerra).

LABORATORI E ATTIVITÀ
Anche quest’anno ampio spazio viene dato agli artigiani che organizzano dimostrazioni e presentazioni per far conoscere al pubblico i segreti di attività che stavano scomparendo e che, grazie alla loro sapienza ed audacia, vengono recuperate e diventano ricchezza per il territorio e per l’intera comunità.
Artigiani che anche Tonino Guerra guardava con ammirazione e che celebrava con queste parole: “È uno spettacolo di bellezza veder lavorare un fabbro, un ceramista, uno stampatore. Vedere prender forma la creatività e la bravura. Bisogna valorizzare gli artigiani. Proviamoci. Insieme.”
Con questo spirito è stata organizzata domenica 26 settembre alle 10.30, sulla Rocca di Penna, la dimostrazione di costruzione e lancio di aquiloni, a cura delle Contrade di Urbino, dedicata a famiglie e bambini.
Nella stessa giornata, alle ore 15.00 nella Piazza Vittorio Emanuele II, si tiene la dimostrazione di stampa su tela a cura della Bottega Pascucci di Gambettola che, dal 1826, produce pregiatissime tele stampate a mano.
Le due giornate della Festa ospitano anche escursioni e visite guidate a cura delle associazioni del territorio (prenotazione obbligatoria):
Sabato e domenica pomeriggio, dalle 15.30 alle 18.30, partenza ogni 30 minuti dalla sede dell’Associazione Tonino Guerra, visita al Museo dedicato al poeta e alla Casa dei Mandorli (prenotazione.atg@gmail.com info 333 1922717), per respirare appieno Tonino Guerra, in un percorso che intende calare i partecipanti nella vita artistica e personale dell’artista e sceneggiatore.
Sabato e domenica, dalle 16.00 alle 19.00, Esposizione “L’acqua, la pietra, la farina. I mulini della Valmarecchia” un percorso, all’interno del MUSSS Museo Naturalistico di Pennabilli, realizzato da Fondazione Valmarecchia (Solo per questa attività info: info@musss.it, https://www.musss.it/349 5008722)
Sabato 25 settembre a partire dalle 9.30 Piazza Vittorio Emanuele II, Scambio di semi e saperi rurali in collaborazione con il Parco Simone e Simoncello, uno spazio dedicato all’incontro di saperi contadini e allo scambio di sementi. Ad arricchire l’esperienza, un’escursione ad anello sulle tracce della civiltà contadina in un territorio pregno di segni e ricordi (Solo per questa attività info e prenotazioni microcosmi.parcosimone@gmail.com, 3287268745. Costo: adulti 8 euro e bambini fino a 14 anni 5 euro)
Domenica 26 settembre partenza ore 9.00, Di anello in anello, Itinerario a piedi a cura di Associazione D’là de Foss (info e prenotazioni: 338 2902038 / 339 4677251). Durata ca. 2h30).

Per informazioni tel. 0541 928846 / 333 1922717
Per prenotazioni prenotazioni.atg@gmail.com

L’Edizione 2021 della Festa dei Frutti si svolgerà nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Si ricorda che il Mercato si svolgerà all’aperto in spazi privi di varchi di accesso regolamentati e per i visitatori sarà obbligatorio il possesso del Green Pass, che potrà essere richiesto per controlli a campione da parte delle autorità competenti. Tutti gli altri eventi inseriti in programma prevedono per i partecipanti il possesso della certificazione verde (Green Pass) e la prenotazione obbligatoria.

Ultimi Articoli

Scroll Up