Home > Ultima ora politica > Gloria Lisi candidata B a sindaco? La smentita dei civici

Gloria Lisi candidata B a sindaco? La smentita dei civici

“Nessun piano B”, “I civici non preparano la guerra a nessuno”: Mirco Muratori,  Kristian Gianfreda, Luca Pasini e Andrea Bellucci, a nome delle liste civiche presenti nel consiglio comunale di Rimini, smatiscono le notizie di stampa secondo le quali sarebbe l’attuale vice sindaco Gloria Lisi la candidata alle prossime elezioni, qualora Jamil Sadegholvaad fosse sconfitto alle primarie da Emma Petitti. I “civici” assicurano che “fedeli alla linea intrapresa e alle proprie idee, promuovono e sostengono la candidatura di Jamil Sadegholvaad a Sindaco di Rimini”.

“Pertanto – proseguono – ipotesi circa piani b, riportate quest’oggi da un giornale locale, risultano invenzioni pure e dunque vanno pubblicamente rettificate. Per quanto ci riguarda noi sosteniamo un candidato, forte, capace e legittimato prima di tutto dai riminesi, che hanno risposto con entusiasmo alla candidatura di Jamil. Non possiamo inoltre non prendere atto di come l’altra candidata si sia volutamente sfilata dal confronto al tavolo della coalizione, preferendo trincerarsi dietro logiche interne di partito al dibattito sul futuro di Rimini”.

E ancora: “Noi che siamo espressione di quel mondo civico riminese rappresentato sino a oggi in consiglio comunale e che ha la forza e l’entusiasmo per dare un contributo da protagonista al presente e allo sviluppo della città, ascoltiamo il volere dei nostri concittadini che chiedono una cosa: non interrompere la traiettoria innovativa e di radicale intrervento rigenerativo su Rimini, aggiornandola e spingendola ancora più forte per superare il tempo perduto con la pandemia. Per una Rimini pronta a ripartire e a contraddistinguersi sempre di più come una città vivibile, ecosostenibile, turistica e vicina e attenta ai bisogni e alle esigenze dei propri cittadini, con particolare attenzione alle categorie più fragili”.

“L’unico candidato Sindaco che rispecchia tutti questi valori è sicuramente Jamil. Il dibattito sinora intercorso soprattutto nel PD provoca un danno vero a tutti ma ha il merito di avere delineato due visioni contrapposte di città. Da una parte continuità con lo sviluppo sostenibile, sapendo che entusiasmo, volontà e capacità possono cambiare una città e il mondo; dall’altro un ritorno al passato con troppe incertezze. Nessun piano B all’orizzonte”, ribadiscono Muratori, Gianfreda, Pasini e Bellucci.

 

Ultimi Articoli

Scroll Up