Home > Ultima ora politica > Gnassi: “Oggi a Rimini una domenica di speranza”

Gnassi: “Oggi a Rimini una domenica di speranza”

“Una giornata di speranza e di scienza”: è il commento del sindaco Andrea Gnassi alle prime vaccinazioni alla Fiera di Rimini.

Oggi, in questo simbolico vaccineday, iniziamo a intravedere la luce in fondo al tunnel, una prospettiva per un futuro libero dal Covid. Iniziamo dagli operatori sanitari, da coloro che sono al fronte ogni giorno da mesi, un primo passo verso una campagna vaccinale di massa che dovrà essere rapida, capillare, rigorosa”.

“S’lè nota us farà dè. Non è ancor giorno, ma c’è un primo grande, solido raggio di luce vera dopo mesi di lotta e buio.
Sembrava impossibile a marzo, aprile, maggio scorsi pensare ad un vaccino già entro l’anno. Invece oggi i primi vaccinati: i nostri medici e operatori sanitari, coloro che sono al fronte da mesi e che vi torneranno per curarci, vaccinati. Si è cominciato con Carlo Biagetti, responsabile delle malattie infettive dell’Infermi; Giancarlo Piovaccari direttore della cardiologia dell’Infermi, Corrado Paolizzi, medico di famiglia. E poi altri 70 operatori sanitari del riminese”.

“Oggi è la dimostrazione che ricerca, scienza e comunità tutta insieme possono farcela.
Oggi inizia il tempo della speranza e del futuro. Per darceli però credo utili sempre dirci parole di verità. Oggi è anche il tempo della lucidità, del rigore, delle responsabilità. Nell’organizzare la campagna di vaccinazione che dovrà essere capillare ed efficiente. Nel rispetto delle regole e dei comportamenti individuali, perché il virus ancora c’è. Nella responsabilità di ognuno di far la propria parte vaccinandosi”.

“E’ una domenica che segna la ripartenza, che ci fa guardare finalmente con ottimismo al 2021: ci vorrà tempo, ma ne usciremo. Ora però è il momento della responsabilità, individuale e delle istituzioni. La scienza ci offre l’opportunità di costruire un nuovo futuro, di far ripartire economia e lavoro, di rigenerare luoghi e città davvero più sostenibili, moderne, innovative e solidali. Sta ad ognuno di noi non sprecarla”, ha concluso il sindaco di Rimini.

Scroll Up