Home > Economia > Governo dà via libera a trivelle in Adriatico, ira di sindaci, pescatori e Verdi

Governo dà via libera a trivelle in Adriatico, ira di sindaci, pescatori e Verdi

“E’ veramente incredibile che questo Governo dica sì alle trivelle mentre nel Mar Adriatico a largo di Rimini si blocca un impianto offshore di produzione di energia eolica. Un atteggiamento incomprensibile e che non va sicuramente nella direzione della sbandierata, con tanto di ministero, Transizione Ecologica”.

Cosí in una nota il coordinatore dei Verdi Angelo Bonelli, che spiega: “Proprio ieri c’è stata l’ennesima dimostrazione di quello che da 30 anni gli scienziati dell’IPCC ci dicono: il Pianeta si sta surriscaldando a causa del rilascio della CO2: nell’Artico si é raggiunta la temperatura record di 31,7 gradi e questo Governo continua a mettere l’ecologia in pausa, mentre incentiva ancora i fossili, contravvenendo alla logica di chi vorrebbe davvero salvare il Pianeta. Altro che transizione ecologica, lo diciamo da tempo che si tratta di finzione ecologica”.

Fra i primi a protestare, il sindaco di Goro, Diego Viviani, che a Repubblica spiega quale altro problema porteranno le trivelle: “Questi impianti di trivelle sono estremamente negativi, sottraggono materiale dal sottosuolo, l’impatto c’è”. E già c’è il cambiamento climatico, “ma se anche noi gli diamo una mano…”.

Vadis Paesanti, vicepresidente Confcooperative FedAgriPesca, aggiunge: “Io penso che prima di dare l’ok a Teodorico, dovrebbero fare un protocollo per spostare tutta la popolazione da qui fino a Cattolica”. La paura è che tutta l’area – una delle più turistiche d’Italia – finisca miseramente sotto. “E tanto per fare un esempio, Porto Garibaldi è andato sotto due anni fa, sono bastati tre giorni di scirocco”.

Ultimi Articoli

Scroll Up