Home > La puèšia ad Muratori > I lèdre ai tném a bèda

I lèdre ai tném a bèda

La séra a n’avém pèša,
s’an si ciudém at chèša,
sal pòrti béin serèdi,
cumè ch’al fós blindèdi.

E’ purtòun sla sicura,
zà che i lèdre is fà paura,
isé a ‘na zèrta òra,
a ciudém e ai lasém fóra.

Tal finèstri u jè al grèdi,
te zardèin ò mès dal rèdi,
l’alarme mi canzèl,
però an dòrme tranquél.

E’ luminèl sóra e’ tèt,
l’è ciuš s’un luchèt,
in pjó lighèd sè sprangòun,
dilé un pasa e’ ladròun.

Dòp ch’ò ciuš tót béin,
e fat dla chèša un furtéin,
te garag a mèt la Panda,
si cadnaz ma la serànda.

Si vèin dréinta i ladrun,
adio fig e pòri nun,
l’è la nòsta arvèina,
i róba tótt e is mèina.

Se te silénzie dla nòta,
a sintém ‘na qualche bòta,
a tóg só la rivultèla,
e a mòunt ad séntinèla.

La mi möj l’è armèda,
ad s-ciadur e garnèda,
la jà ènca la curtèla,
a la pèz lai dà sa quèla.

Per difèndme ò e’ s-ciòp,
an crèd miga che sia tròp,
benché chèrg a palitun,
per tnì a bèda i ladrun.

Sna ch’um täca fél sa tat,
ò zà mazè quatre gat,
a jò sparè int e’ scur,
e an gn’ò arcnusù sicur.

Da alóra a stàg pjò atènti,
e me lèdre ai dég avènti,
ai dmand chi ch’l’è?
epù a tac a sparè!

Zà ch’ al faz per mi difèša,
che se un um vèin at chèša,
u n’è per fém i cumplimèint,
e per dìm: che bèl apartamèint!

Ivano Aurelio Muratori

I LADRI LI TENIAMO A BADA

La sera non abbiamo pace,/ se non ci chiudiamo in casa,/ con le porte ben serrate,/ come fossero blindate.

Il portone con la sicura,/ giacché i ladri ci fanno paura,/ così a una cert’ ora,/ chiudiamo e li lasciamo fuori.

Nelle finestre ci sono le grate,/ nel giardino ho messo delle reti,/ l’allarme ai cancelli,/ però non dormo tranquillo.

Il luminello sopra al tetto,/ è chiuso con un lucchetto,/ in più legato con lo sprangone,/ da lì non passa il ladrone.

Dopo che ho chiuso tutto bene,/ e fatto della casa un fortino,/ nel garage metto la Panda,/ coi catenacci alla serranda.

Se vengono dentro i ladroni,/ addio fichi e poveri noi,/ sono la nostra rovina,/ rubano tutto e ci menano.

Se nel silenzio della notte,/ sentiamo una qualche botta,/ prendo su la rivoltella,/ e monto di sentinella.

Mia moglie è armata,/ di matterello e scopa,/ ha anche la coltella,/ alla peggio ci dà con quella.

Per difendermi ho lo schioppo,/ non credo mica che sia troppo,/ benché carico a pallettoni,/ per tener a bada i ladroni.

Solo che mi tocca farlo con tatto,/ ho già ucciso quattro gatti,/ ho sparato loro nel buio,/ non li ho riconosciuti di sicuro.

Da allora sto più attento,/ e al ladro dico avanti,/ gli chiedo chi è?/ e poi comincio a sparare!

Giacché lo faccio per mia difesa,/ che se uno mi viene in casa,/ non è per farmi i complimenti,/ e per dirmi che bell’appartamento.

Ultimi Articoli

Scroll Up