Home > La puèšia ad Muratori > I mi caplét jè i mèj ch’u jè!

I mi caplét jè i mèj ch’u jè!

Per fè i caplét t’un lèmp,
qualcadun e’ dròva e’ stèmp,
e qualcunènt la rudlina,
che in stè mòdi us fà mòlt prima.

Mo agl’jé dal ròbi strèni,
i caplét is ciud sal mèni,
queli d’òr dl’azdóra,
d’ilé i scapa fóra.

Ès jè un’òpra d’èrt,
cmè e vstid ch’ e’ fà e’ sèrt,
o e’ quèdre ch’e’ fà e’ pitór,
fat sal mèni, grèzia e’ còr.

E dòp tót quèl ch’ò dét,
cumè ch’is fà i caplét?
Per ès cèr e pusitiv,
adès iqué al scriv.

La spòja las taja a quadrét,
né tròp lèrg e nè tròp strét,
pjó o mènc dla dimènsiòun,
d’una fèta ad limòun.

Ui si mèt sóra e’ cumpèins,
un cuciarin bèin dèins,
la mšura las fà a òć,
sèinzà cumbinè un pastròć.

Per ciudie ui vò tré mòsi,
e dal dédi na tènt gròsi,
e’ qadratin us piga in dó,
e’ triangul us zira in só,

e s’un ligèr scrichét,
us ciud bèin e’ caplèt,
l’è tänd, tuzót, mo bèl,
sla fòrma d’un capèl.

Quel ch’l’avéva e’ prét,
e u n’è zért un sègrèt,
ch’e per forma e l’aspèt,
l’à dè e’ nom me caplèt.

Mè a sò zà che dla zèinta,
lan restarà tènt cuntèinta,
e sicur ch’la girà,
mè ai faz isé o isà.

Mè dabon an mi intrumèt,
ch’l’è mòlt mèj stè zét,
quand che tótt i diš isé:
i mi jè i mèj ch’u jè!

Ivano Aurelio Muratori

I MIEI CAPPELLETTI SONO
I MIGLIORI CHE CI SONO!

Per fare i cappelletti in un lampo,/ qualcuno adopera lo stampo,/ qualcun’ altro la rotellina,/ che in sto modo si fa molto prima.

Ma sono delle cose strane,/ i cappelletti si chiudono con le mani,/ quelle d’oro dell’azdora ,/ da lì escon fuori.

Essi sono un’opera d’arte,/ come il vestito che fa il sarto,/ o il quadro che fa il pittore,/ fatti con le mani, grazia e cuore.

E dopo tutto quello che ho detto,/ come si fanno i cappelletti?/ per essere chiaro e positivo,/ adesso qui lo scrivo.

La sfoglia si taglia a quadretti,/ né troppo larghi, né troppo stretti,/ più o meno della dimensione,/ di una fetta di limone.

Ci si mette sopra il compenso,/ un cucchiaino bèn denso,/ la misura si fa a occhio,/ senza combinare un pastrocchio.

Per chiuderli ci vogliono tre mosse,/ e delle dita non tanto grosse,/ il quadratino si piega in due,/ ed il triangolo si gira in su,

e con una leggera pressione,/ si chiude bene il cappelletto,/ è tondo, tozzo ma bello,/ con la forma di un cappello.

Quello che aveva il prete,/ e non è certo un segreto,/ che per la forma e l’aspetto,/ ha dato il nome al cappelletto.

Io so già che della gente,/ non resterà tanto contenta,/ e sicuro dirà,/ io li faccio così o cosà.

Io davvero non mi intrometto,/ che è molto meglio stare zitti,/ quando tutti dicon così: i miei sono i migliori che ci sono!

Ultimi Articoli

Scroll Up