Home > Ultima ora politica > I sindaci di San Leo e Talamello non sostengono Bonaccini

I sindaci di San Leo e Talamello non sostengono Bonaccini

Nelle settimane scorse è stato presentato un appello firmato da 206 sindaci del Pd e anche civici a sostegno della candidatura bis di Bonaccini in vista delle elezioni regionali in Emilia Romagna del prossimo 26 gennaio. Tra i firmatari anche i sindaci di San Leo e Talamello che ora smentiscono.

“Trovarmi in un elenco senza aver dato l’assenso non lo trovo corretto e mi ha disturbato non poco – dice Leonardo Bindi a proposito della lista con le sottoscrizioni a favore della conferma del dem Bonaccini – . Mi trovo a disagio perché come sindaco non voglio mettere in mezzo il Comune nella contesa politica, anche perché rappresento una realtà civica. Personalmente, poi, e parlo come cittadino Bindi, da liberale con formazione di centrodestra mi trovo decisamente più vicino alle posizioni di Lucia Borgonzoni“.

“Mi appello agli altri sindaci, verifichino, a tutela dei Comuni e della verità – spiega ancora Bindi -. Quella messa in campo da Bonaccini è una forma di scouting un po’ strana…”.

Stessa considerazione da parte di Pasquale Novelli sindaco di Talamello: “Noi siamo civici e tali vogliamo rimanere: mi hanno chiesto di sottoscrivere un appello al quale però non ho aderito. Nella nostra realtà civica ci sono anime trasversali. Sono rimasto sorpreso nel trovarmi in elenco, avrebbero dovuto farlo solo dietro espresso consenso. Chiedo la rimozione da quell’elenco”.

Dal Pd si fa notare che la smentita arriva qualche settimana dopo la pubblicazione dell’elenco ed a ridosso della visita di Salvini alla Fiera di Santarcangelo. I sindaci di San Leo e Talamello sono stati eletti con una lista civica unitaria di tutte le forze politiche.

Scrive il segretario provinciale del Pd Filippo Sacchetti:  “Oramai nelle campagne elettorali non mi stupisco più di niente, a maggior ragione di polemiche stucchevoli come questa dalle coincidenze quantomeno particolari: arriva infatti a ben 41 giorni di distanza da quel martedì 1° ottobre in cui venne presentato il manifesto dei sindaci a sostegno del governatore uscente nonché candidato governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini. E soprattutto a poche ore dalla visita di Matteo Salvini in compagnia della candidata della Lega Lucia Bergonzoni.
Una casualità? E’ successo qualcosa nel frattempo, visto che in oltre un mese non si era fatta parola sulla questione? Ripeto, non mi stupisco più di niente, tantomeno di polemiche quasi quotidiane con cui dovremo convivere per i prossimi due mesi”

(nell’immagine in apertura, il sindaco di San Leo Leonardo Bindi)

Scroll Up