Home > Ultima ora > IEG, Arezzo Fiere: Antonio Tajani ha inaugurato OroArezzo. Firmato accordo con Federorafi

IEG, Arezzo Fiere: Antonio Tajani ha inaugurato OroArezzo. Firmato accordo con Federorafi

Apre oggi la 38.a edizione di OROAREZZO la prima curata da Italian Exhibition Group SpA (IEG), la società fieristica nata dall’integrazione tra Rimini Fiera e Fiera di Vicenza, grazie all’accordo siglato lo scorso marzo con Arezzo Fiere e Congressi Srl che ha definito un’organizzazione unica dedicata alle manifestazioni del settore orafo-gioielliero in Italia.

La Manifestazione, inaugurata con il taglio del nastro dal Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, rappresenta a livello internazionale un’importante piattaforma di promozione del gioiello Made in Italy e, con la nuova gestione di IEG SpA, garantisce una positiva sinergia con gli appuntamenti internazionali che già si svolgono a Vicenza sotto il brand VICENZAORO.

Comincia così il nuovo corso di OROAREZZO, uno degli appuntamenti fieristici di rilievo nel calendario internazionale dell’oreficeria, argenteria e gioielleria che vanta oltre trent’anni di storia, con 650 brand che rappresentano alcune tra le eccellenze produttive dei principali poli orafi italiani e offre ai propri espositori il know-how e l’esperienza dei mercati e della distribuzione, nonché la conoscenza diretta di tutti i principali operatori mondiali del settore.

Lorenzo Cagnoni, Presidente di Italian Exhibition Group, ha dichiarato: “È per noi un grande onore avere oggi come ospite di OROAREZZO il Presidente Antonio Tajani. La sua presenza è una sorta di omaggio alla leadership europea del distretto orafo-gioielliero italiano, che ora può usufruire di un’organizzazione unica per le manifestazioni del settore guidata da IEG. La visione di sistema messa in campo attraverso l’accordo siglato con Arezzo Fiere e Congressi rappresenta una grande occasione per il rilancio del comparto e vuole contribuire allo sviluppo di una sua politica industriale, tanto da essere supportato dal Ministero dello Sviluppo Economico”.

Andrea Boldi, Presidente di Arezzo Fiere e Congressi, ha sottolineato: “OROAREZZO è da 38 anni uno degli appuntamenti fieristici di rilievo per la promozione internazionale del settore orafo-gioielliero italiano, che oggi abbiamo il privilegio di far conoscere al Presidente Tajani. A seguito dell’accordo con IEG, un felice esempio di superamento dei campanilismi, si apre una nuova prospettiva di crescita per la gioielleria italiana. La collaborazione valorizzerà ulteriormente OROAREZZO già da questa edizione, ponendo al centro del progetto il bene delle imprese orafe”.

Matteo Marzotto, Vice Presidente Esecutivo di Italian Exhibition Group, ha dichiarato: “L’internazionalizzazione è oggi la frontiera imprescindibile e strategica per le aziende. Per supportare il loro processo di espansione in mercati ad alto potenziale le fiere rappresentano uno straordinario strumento, tanto più se riescono a fare sistema. Una piattaforma fieristica promotrice della gioielleria italiana gestita in modo unitario ci dà la possibilità di posizionarci quale interlocutore di peso nel mercato globale, offrendo alle filiere maggiore efficienza ed efficacia e alle migliori aziende internazionali un Marketplace di qualità e attrattivo”.

Corrado Facco, Direttore Generale di Italian Exhibition Group, ha affermato: “Nonostante le dinamiche del mercato internazionale abbiano registrato un significativo rallentamento, l’export italiano di gioielleria riesce sostanzialmente a mantenere le sue quote di mercato e, in alcune aree di nuovo interesse per il consumo dei beni di lusso, anche a crescere. È la prova della qualità della produzione, del design e dell’innovazione tecnologica delle aziende italiane, rispetto a cui IEG, attraverso il sistema fieristico unitario che gestisce, si pone quale Content Provider di profilo globale. In tale contesto una Manifestazione come OROAREZZO, patria del primo distretto orafo italiano, svolge un ruolo fondamentale per la promozione internazionale di tutti i distretti del Made in Italy, affiancando e confermando la già consolidata leadership dei Saloni firmati VICENZAORO”.

A conferma della dimensione internazionale della Manifestazione, OROAREZZO presenta un‘importante programma di incontri di business per buyer, espositori ed operatori del settore e eventi di grande interesse.

Progetti ed eventi di OroArezzo

Collezione Oro d’Autore – inaugurazione alla presenza del Presidente Antonio Tajani –  Sabato 6 Maggio ore 9.30 – Per la prima volta si possono ammirare i gioielli della Collezione Oro d’Autore, creata da Arezzo Fiere e Congressi ed esposta al Museo dei Tesori di Arezzo. 82 gioielli unici ed esclusivi realizzati dalle aziende orafe di Arezzo e Vicenza, in collaborazione con celebri artisti, architetti, designer e stilisti di fama internazionale. Una preziosa collezione raccontata in uno storytelling di Beppe Angiolini, Art Director di Oroarezzo e Presidente Onorario Camera Nazionale Buyer della moda, che racconta i gioielli più importanti e creativi della collezione di arte orafa contemporanea.

Gold Night – Sabato 6 Maggio –  Animazioni per bambini e tante iniziative di intrattenimento dalle ore 21 in poi per terminare con lo shopping serale fino a mezzanotte, musica dal vivo e dj set in tanti angoli suggestivi del centro storico, per animare la serata e per creare un momento ludico e di aggregazione per buyer, espositori e operatori del settore.

Concorso Première – domenica 7 maggio alle ore 18 – la premiazione del Concorso Premiere, giunto alla sua 27ma edizione.  Quest’anno Première propone alle aziende la creazione, ideazione e realizzazione del BRACCIALE, il gioiello senza tempo ed icona di stile, da reinventare per reinventarsi. La Giuria composta da operatori ed esperti del settore della gioielleria, della moda, della stampa e della comunicazione premia ogni anno i gioielli più belli che verranno esposti durante OROAREZZO all’interno di un allestimento “ad hoc” che valorizzerà le caratteristiche ed il valore creativo.

Meeting Club, OROAREZZO propone agli espositori servizi personalizzati per entrare in contatto con buyers di mercati emergenti e tradizionali usufruendo di incontri privati presso lo stand con i buyer, in delegazione precedentemente selezionati.

Retail Club Italia, dedicato al mondo del retail italiano. Percorsi espositivi dedicati all’oreficeria, gioielleria, argenteria, semilavorati e pietre che accolgono le migliori aziende italiane e i brand più affermati.

Cash & Carry, l’area espositiva che offre opportunità alle aziende, italiane e straniere, di vendere sul pronto. Uno spazio dinamico ed innovativo rivolto alle boutique del gioiello, ai retailer italiani ed esteri che possono scegliere ed acquistare gioielli e ammirare le ultime novità sul mercato frutto della creatività orafa.

Tech 3D, area dedicata ai sistemi di lavorazione più tecnologici. Duemila metri quadrati che ospitano le tecnologie per la lavorazione dell’oro e dell’argento, con 70 aziende tra le più importanti del settore, risultato della partnership fra Arezzo Fiere e Congressi e AFEMO (Associazione Fabbricanti Esportatori Macchine per Oreficeria).

ITALIAN EXHIBITION GROUP SPA: FOCUS ON

Italian Exhibition Group SpA, la società nata dall’integrazione tra Rimini Fiera e Fiera di Vicenza è presieduta da Lorenzo Cagnoni, con la vice presidenza di Matteo Marzotto e la direzione generale di Corrado Facco. IEG, che ha chiuso il 2016 con fatturato consolidato pro-forma di 124,8 milioni, un EBITDA pro-forma di 21,9 milioni e un risultato netto consolidato di 6,6 milioni, è il secondo player italiano per volume di fatturato con 59 prodotti in portafoglio (riferiti alle filiere Food & Beverage, Green, Technology, Entertainment, Tourism, Transport, Wellness, Jewellery e Fashion, Lifestyle & Innovation) e 216 tra eventi e congressi. Asset prioritario della Società è favorire l’internazionalizzazione di tali comparti rappresentativi del Bello e Ben Fatto nel mondo, partendo da una solida presenza nel mondo con già una joint venture negli Emirati Arabi Uniti e presenze in USA, Cina, India e Sudamerica. IEG svolge inoltre il ruolo di leader nazionale nel segmento convegnistico-congressuale. Nel 2016, IEG, nel complesso delle sedi espositive e congressuali di Rimini e Vicenza ha totalizzato 14.593 espositori, sfiorando i 2,5 milioni di visitatori.

AREZZO FIERE E CONGRESSI

Arezzo fiere e Congressi Srl, la società che vede la partecipazione di Regione Toscana, Camera di Commercio di Arezzo, Comune e Provincia di Arezzo, istituti di credito ed oltre 300 aziende orafe con un capitale di 40,8 milioni di euro, è presieduta da Andrea Boldi. Arezzo Fiere organizza da 38 anni la manifestazione Oroarezzo, che vede circa 650 espositori di tutti i distretti italiani orafi-argentieri, Arezzo, Vicenza, Valenza, Torre del Greco, Firenze, Milano. Arezzo Fiere e Congressi dispone di una nuova struttura congressuale progettata dallo studio GMP di Amburgo, di 22.000 mq. di superficie espositiva e di un modernissimo Centro Congressi Auditorium con una capienza di 950 posti, sede congressuale ideale che gode di una collocazione geografica strategica al centro dell’Italia. Co-organizza Cortonantiquaria, prestigiosa rassegna cortonese, giunta alla 54° edizione. La Società opera inoltre da anni nella promozione culturale. Organizza mostre e workshop in  prestigiose sedi negli Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Spagna, Belgio, Giappone, Cina, Hong Kong, Cile.

Accordo IEG e Federorafi

Italian Exhibition Group Spa (IEG), società fieristica leader in Italia e top player mondiale nell’organizzazione di manifestazioni nell’alto di gamma dell’oreficeria e della gioielleria, e Confindustria Federoarfi, l’associazione di riferimento per l’industria del settore orafo italiano, hanno siglato un accordo per favorire l’internazionalizzazione del Made in Italy del comparto. La firma è avvenuta oggi, in occasione della giornata inaugurale di OROAREZZO, tra il Presidente di IEG Lorenzo Cagnoni e il Presidente di Federorafi Ivana Ciabatti.

L’intesa punta a rafforzare la stretta interconnessione tra tessuto industriale orafo italiano, sistema fieristico quale motore d’internazionalizzazione e ruolo delle istituzioni. La collaborazione tra IEG e Federorafi prevede infatti la definizione di un’univoca strategia per la promozione della gioielleria italiana sui mercati internazionali, attraverso il coinvolgimento delle imprese, la leva delle fiere e nel quadro delle politiche per il consolidamento del Made in Italy all’estero predisposte del Ministero dello Sviluppo Economico.

Nell’ambito dell’accordo Italian Exhibition Group rappresenta il provider fieristico di riferimento per le aziende del settore orafo-gioielliero e per la loro valorizzazione in chiave internazionale, gestendo l’organizzazione di 5 eventi – le due edizioni italiane di VICENZAORO, l’appuntamento negli Emirati Arabi Uniti di VICENZAORO Dubai e le due manifestazioni aretine OROAREZZO e Gold Italy – ai quali si aggiunge la partecipazione del brand VICENZAORO ai più importanti Trade Show internazionali del settore. Federorafi, invece, svolge un ruolo fondamentale sia come rappresentante dell’industria del comparto sia in veste di principale referente delle istituzioni nazionali preposte alla promozione del commercio con l’estero.

Lorenzo Cagnoni, Presidente di IEG, ha dichiarato: “L’accordo siglato oggi conferma la capacità della nostra società di fungere da fulcro promotore di politiche di sistema per la valorizzazione di comparti strategici per il Made in Italy. Dopo l’intesa con Arezzo Fiere e Congressi, che ha portato alla nascita di un’unica organizzazione delle fiere orafe italiane gestita da IEG, la collaborazione con Federorafi rappresenta un dialogo strategico tra sistema fieristico e sistema dell’industria, che crediamo potrà supportare la politica industriale per la valorizzazione internazionale della gioielleria italiana”.

Ivana Ciabatti, Presidente di Confindustria Federorafi, ha sottolineato: “L’intesa con Italian Exhibition Group suggella il processo di razionalizzazione del comparto orafo italiano avviato negli ultimi due anni con la definizione di un calendario condiviso delle manifestazioni settoriali e, meglio ancora, con la nascita di un unico provider fieristico. Con quest’ultimo accordo finalmente anche il settore orafo si presenta con una univocità di intenti nell’approcciare i mercati mondiali sempre più complessi e competitivi. Non è più sufficiente esportare, occorre internazionalizzarsi! L’obiettivo comune è quello di rafforzare quindi la capacità delle imprese e dei prodotti, orafi argentieri e gioiellieri made in Italy di presentarsi sui “mercati mondo” con poche fiere, ma che siano leader, e con strumenti specifici come quelli già attivati con successo da Federorafi con il Ministero e l’Agenzia ICE su diversi fronti come quello della formazione con il Jewellery Export Lab o degli accordi promozionali con la GDO internazionale, a partire da quella degli Stati Uniti”.

Tra i punti dell’accordo, la promozione da parte di Federorafi delle manifestazioni organizzate da IEG, la condivisione di piani d’internazionalizzazione, di paesi “target” su cui focalizzare gli investimenti istituzionali e privati e la definizione di programmi di incoming di buyer internazionali.  Punto importante in ottica dello sviluppo internazionale del comparto, la condivisione con IEG del progetto di creazione di una “brand identity” per la promozione all’estero del sistema orafo-gioielliero italiano, sulla base delle indicazioni espresse dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Altro punto rilevante dell’accordo, l’attiva e congiunta promozione della Corporate Social Responsibility delle imprese orafe italiane quale volano di competitività sul mercato globale. Su questo tema Italian Exhibition Group è riconosciuto quale interlocutore autorevole a livello mondiale. L’azienda ha infatti ricevuto l’accreditamento formale, tramite CIBJO (Confederazione Mondiale della Gioielleria), presso ECOSOC, il Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite, per la promozione e l’implementazione delle attività relative alla Corporate Social Responsibility nella filiera del gioiello e dei preziosi.

Tra le altre iniziative, la collaborazione di Federorafi alla valorizzazione degli strumenti di IEG volti allo studio e alla divulgazione delle tendenze della gioielleria a livello internazionale, con lo scopo di accrescere la cultura del gioiello italiano nel mondo.

ITALIAN EXHIBITION GROUP SPA: FOCUS ON

Italian Exhibition Group SpA, la società nata dall’integrazione tra Rimini Fiera e Fiera di Vicenza è presieduta da Lorenzo Cagnoni, con la vice presidenza di Matteo Marzotto e la direzione generale di Corrado Facco. IEG, che ha chiuso il 2016 con fatturato consolidato pro-forma di 124,8 milioni, un EBITDA pro-forma di 21,9 milioni e un risultato netto consolidato di 6,6 milioni, è il secondo player italiano per volume di fatturato con 59 prodotti in portafoglio (riferiti alle filiere Food & Beverage, Green, Technology, Entertainment, Tourism, Transport, Wellness, Jewellery e Fashion, Lifestyle & Innovation) e 216 tra eventi e congressi. Asset prioritario della Società è favorire l’internazionalizzazione di tali comparti rappresentativi del Bello e Ben Fatto nel mondo, partendo da una solida presenza nel mondo con già una joint venture negli Emirati Arabi Uniti e presenze in USA, Cina, India e Sudamerica. IEG svolge inoltre il ruolo di leader nazionale nel segmento convegnistico-congressuale. Nel 2016, IEG, nel complesso delle sedi espositive e congressuali di Rimini e Vicenza ha totalizzato 14.593 espositori, sfiorando i 2,5 milioni di visitatori.

CONFINDUSTRIA FEDERORAFI

Confindustria FEDERORAFI (Federazione Nazionale Orafi Argentieri Gioiellieri Fabbricanti) rappresenta a livello nazionale ed internazionale le aziende industriali e PMI italiane del settore orafo argentiero gioielliero che trasformano in gioielli (con e senza pietre preziose e diamanti) ed in oggetti in metalli preziosi oltre il 80% dell’oro, dell’argento, del platino e del palladio lavorato in Italia e li esportano in tutto il mondo. L’85% della produzione orafa italiana è infatti destinata all’esportazione. Si tratta di aziende che operano soprattutto nei principali poli produttivi quali Arezzo, Vicenza, Macerata, Milano, Valenza e Napoli/Torre del Greco. FEDERORAFI fa parte di Confindustria e di EFJ (European Federation of Jewellery), è stata anche la prima associazione italiana ad aderire a RJC (Responsible Jewellery Council) ed è associata a Confindustria Moda la neonata macro alleanza del mondo produttivo del fashion e dell’accessorio made in Italy.

Ultimi Articoli

Scroll Up