Home > Cultura e Spettacoli > Il bacio di Francesca simbolo dell’8 marzo: Rimini e Gradara nell’anno di Dante

Il bacio di Francesca simbolo dell’8 marzo: Rimini e Gradara nell’anno di Dante

“Francesca da Rimini tornerà a casa, non a caso nel giorno della Festa della Donna, grazie al suo bacio che risuonerà dalla Cina alle Americhe, dall’Oceania e dall’Africa alle capitali della vecchia Europa, in un Flash Mob planetario organizzato per dar inizio alle Celebrazioni per il centenario dantesco 2021 delle terre malatestiane tra Romagna e Marche”: così i Comuni di Rimini e Grada annunciano le iniziativeper l’Anno dantesco.

“Un bacio recitato, animato e cantato da centinaia di studenti di ogni cultura e colore che, grazie al web, supereranno barriere e confini per riunirsi in un unico grande coro, tanto distanziato quanto forte e partecipato”.

WORLDWIDE KISSES | BACI DAL MONDO “sarà un inno alla poesia, alla passione, alla bellezza e all’amore per la vita, delle quali Francesca da Rimini è espressione esemplare”.

Sarà una risposta “planetaria, simbolica ma quanto mai potente, alla ferocia della pandemia che affligge il mondo e che sta privando giovani di ogni età dei gesti di amore e di affetto più naturali e indispensabili alla vita dell’uomo”.

Nessuna tra le Università che hanno aderito all’evento un anno fa, ha ceduto dinnanzi all’emergenza sanitaria di questi tempi e tutte sono arrivate alla meta pur tra enormi difficoltà tecniche e organizzative.

“Quando ci saremo liberati del virus” commentano gli organizzatori “baci e abbracci riesploderanno e torneranno a ad essere gesti quotidiani sotto gli auspici di Francesca, creatura dagli straordinari valori, quanto mai attuali”.

Perché il Francesca day proprio l’8 marzo? Perché il mito di Francesca rappresenta valori fondamentali per la nostra civiltà che si considera tanto evoluta. Basti citarne due. Il primo: il matrimonio, o la scelta del compagno di vita, non deve essere imposto o frutto di transazioni mercantili. Pensiamo a quanti milioni di giovani donne, trattate come merce, vengono imposti, come a Francesca, matrimoni per motivi di denaro o di potere. Il secondo: l’amore e la passione non devono uccidere! Non è amore quello che ancor oggi, in Italia e nel mondo, miete tra le mura domestiche migliaia e migliaia di vittime per femminicidio.

Francesca che si celebra con WORLDWIDE KISSES | BACI DAL MONDO, non è la peccatrice all’Inferno, ma l’eroina d’amore vittima di un inganno matrimoniale e di intrighi di potere, come narra il Boccaccio. Personaggio letterario che, pur con le radici in Dante, nasce con l’Illuminismo e il Romanticismo ed esplode tra Ottocento e Novecento, invadendo la cultura occidentale, ispirando dapprima i combattenti per la libertà d’ogni paese, per trasformarsi, poi, in icona pop. È questa seconda Francesca “libertaria” che soprattutto rappresenta, oltre a bellezza e poesia, i valori della nostra contemporaneità

La regia delle ventun performances che giungeranno da ogni angolo della Terra, sarà al Teatro Amintore Galli di Rimini, proprio a pochi passi dove Francesca ha realmente vissuto e, con ogni probabilità, ha visto esplodere il suo amore.

I collegamenti si susseguiranno per tutta la giornata, dalle ore 9,30 del mattino alle 18, in diretta streaming e saranno diffusi tramite i canali social e sul sito web dedicato www.bacidalmondo.com.

Coordinerà l‘evento dal palco, la scrittrice, giornalista e autrice televisiva Lia Celi, affiancata, oltre che da Ferruccio Farina, l’ideatore e il promotore di WORLDWIDE KISSES | BACI DAL MONDO, dai dantisti Sebastiana Nobili, Natascia Tonelli, Mariarita Semprini e Marco Veglia; da Giampiero Piscaglia Assessore alla Cultura di Rimini, da Filippo Gasperi Sindaco di Gradara e da Franco Capicchioni, presidente della Società Dante Alighieri di San Marino.

Dai filmati delle performance verranno ricavati un documentario e una pubblicazione a stampa con finalità didattiche e divulgative.

L’iniziativa, progettata e organizzata dal Centro Internazionale di studi Francesca da Rimini

è promossa dai Comuni di Rimini e di Gradara con la collaborazione delle Regioni Emilia-Romagna e Marche.

“Les amours funestes de François de Rimini et Paolo Malatesta” di Marie Phillippe Coupin de la Couperie (1812) MBA Lyon

IDEA E PROGETTO E CURA: Ferruccio Farina | Centro Internazionale di studi Francesca da Rimini

COMITATO SCIENTIFICO: Deirdre O’ Grady, University College, Dublino; Diana Glenn, Australian Catholic University, Sydney; Natascia Tonelli, Università degli Studi di Siena; Nadia Urbinati, Columbia University, New York; Massimo Ciavolella, Ucla, University of California, Los Angeles; Roberto Fedi, Centro Internazionale di Studi Rinascimentali, Perugia; Giulio Ferroni, Università La Sapienza, Roma; Raffaele Pinto, Universitat de Barcelona; Antonio Rostagno, Università La Sapienza, Roma; Marco Veglia, Università degli Studi di Bologna; Ferruccio Farina, Centro Internazionale di Studi Francesca da Rimini, coordinatore.

COMITATO ORGANIZZATORE: Natascia Tonelli, Università degli Studi di Siena; Silvia Moni, Comune di Rimini; Massimo Ciavolella Ucla, University of California, Los Angeles; Ferruccio Farina, Centro Internazionale di Studi Francesca da Rimini, coordinatore; Filippo Gasperi, Sindaco di Gradara; Raffaele Pinto, Universitat de Barcelona; Giampiero Piscaglia, Assessore alla cultura del Comune di Rimini; Cristiano Varotti, ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo, Cina.

Scroll Up