Home > Ultima ora economia e lavoro > Il deposito Amazon di Santarcangelo diventa hub vaccinale

Il deposito Amazon di Santarcangelo diventa hub vaccinale

Amazon ha ufficialmente avviato la campagna di vaccinazione in Emilia-Romagna. A partire da oggi il deposito di smistamento di Santarcangelo di Romagna (RN) sarà adibito a hub vaccinale mentre da domani, 15 giugno, sarà il turno del centro di distribuzione di Castel San Giovanni (PC). I dipendenti e il personale dei fornitori dei centri logistici Amazon della regione potranno registrarsi e ricevere il vaccino presso i centri predisposti.
Amazon è tra le prime aziende in Emilia-Romagna ad aprire due centri vaccinali dedicati ai propri dipendenti. Nelle prossime settimane, tutti i dipendenti Amazon e il personale dei fornitori potranno registrarsi per la vaccinazione presentando la propria richiesta tramite un portale dedicato.

L’iniziativa rientra nell’impegno di Amazon nell’assicurare ai suoi dipendenti, e al personale dei fornitori, un ambiente di lavoro sicuro, e conferma ulteriormente l’impegno dell’azienda nell’implementazione di misure volte a contrastare la diffusione del Covid—19.

“In Amazon, la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti e dei dipendenti dei nostri fornitori sono un’assoluta priorità. Dopo le recenti aperture degli hub vaccinali in Piemonte e Liguria, siamo davvero orgogliosi di annunciare oggi l’inizio della campagna di vaccinazione in azienda e di offrire questa opportunità ai nostri dipendenti e ai dipendenti dei nostri fornitori in Emilia-Romagna. Tutto ciò è stato reso possibile anche grazie alla stretta collaborazione con le istituzioni locali e le autorità sanitarie” – ha dichiarato Marco Ferrara, Amazon Italia Logistics Senior Manager.

“Siamo certi che l’avvio di questa campagna rappresenti un importante passo per proteggere non solo i lavoratori, ma anche le loro famiglie e le comunità locali. Continueremo a confrontarci con tutte le istituzioni per capire come supportare le Regioni e il Paese nell’ambito della campagna vaccinale con l’obiettivo di contribuire a ritornare quanto prima alla normalità”.

Sin dall’inizio dell’emergenza sanitaria, Amazon ha implementato oltre 150 aggiornamenti di processo in tutte le nostre attività e nel 2020 ha stanziato oltre 11,5 miliardi di dollari in iniziative legate al contrasto della pandemia. Solo in Italia, sono stati acquistati oltre 230 milioni di unità di disinfettante per mani, 12 milioni di paia di guanti, 9 milioni di mascherine, visiere protettive e altre protezioni per naso e bocca, oltre a 35 milioni di unità di salviette igienizzanti.

L’azienda ha modificato i propri processi per implementare misure di sicurezza per dipendenti e clienti come il miglioramento delle operazioni di pulizia, il distanziamento sociale, il controllo della temperatura e la distribuzione di dispositivi di protezione individuale e spray disinfettanti. Inoltre, l’azienda ha dato a tutti i nostri dipendenti la possibilità di effettuare tamponi nasofaringei regolari e volontari.
Nel 2021, Amazon ha conseguito la certificazione Top Employer Italia 2021, un riconoscimento attribuito all’azienda per la qualità dell’ambiente di lavoro, le opportunità di formazione e i piani di carriera offerti ai dipendenti in Italia. La certificazione riguarda tutte le attività di Amazon in Italia, comprese quelle relative al sito Amazon.it, le attività di logistica, i servizi cloud Amazon Web Services, ecc
Amazon

Ultimi Articoli

Scroll Up