Home > Ultima ora turismo > Il festival IT.A.CÀ migranti e viaggiatori fa tappa al Sasso Simone e Simoncello

Il festival IT.A.CÀ migranti e viaggiatori fa tappa al Sasso Simone e Simoncello

Premiato dall’Organizzazione Mondiale del turismo dell’ONU per l‘eccellenza e l’innovazione nel turismo: IT.A.CÀ, IL PRIMO E UNICO FESTIVAL IN ITALIA SUL TURISMO RESPONSABILE, invita a scoprire luoghi e culture, un cammino unico in tanti territori diversi, per trasformare l‘incoming in becoming, coniugando la sostenibilità del turismo con il benessere dei cittadini. Il programma di IT.A.CÀ per il 2021 è ricco di appuntamenti che coinvolgono 16 Regioni, per un totale di 25 Tappe, una di queste, dal 24 al 26 settembre si svolgerà al Parco interregionale del Sasso Simone e Simoncello.

Mai come quest’anno, colpito dagli effetti della pandemia, il Festival e la sua rete hanno lavorato nell’ottica di rendere sempre di più il ‘turismo sostenibile’ la vera ed unica leva per permettere al settore turistico di uscire dalla crisi, la chiave di volta per lo sviluppo delle aree interne della nostra Penisola. La stessa filosofia muove l’associazione di giovani Chiocciola la casa del nomade di Pennabilli che in questo solco organizza e promuove MICROCOSMI la rassegna di eventi ed escursioni del Parco Sasso Simone e Simoncello e che ha lavorato in sinergia con la rete IT.A.CÀ per la realizzazione di questa tappa romagnola che da Rimini si è spostata nell’entroterra.

Tema della 13°edizione del Festival è il “Diritto di respirare” e non c’era luogo migliore del polmone verde del Parco per esprimere questo concetto e tornare a respirare l’anima dei luoghi.

Oggi il Sasso Simone e Simoncello è l’unico parco interregionale in Italia ed abbraccia un vasto territorio nel cuore del Montefeltro, tra Pesaro-Urbino e Rimini, che si amalgama con l’omonima Riserva Naturale Toscana. I confini, da sempre sono luogo di incontro, di dialogo, di patti e compromessi. Sono anche scenari per briganti e contrabbandieri, di diatribe e scontri, ma pur sempre luoghi dove la diversità si incontra e si confronta. Ciò che divide, in realtà unisce.

Tra i Sassi Simone e Simoncello si incontrano Libeccio e Grecale, Valmarecchia, Valconca e Valle del Foglia, da i loro crinali si raggiunge in poco tempo l’Umbria e la Valtiberina e tra le loro inconfondibili cime piatte – oggi divise tra Emilia Romagna, Marche e Toscana – da millenni le genti si incontrano: per pregare, per commerciare, per combattere e per partire assieme in transumanza, rappresentando la caratteristica più affascinanti dell’Appennino.

Il diritto di respirare é ciò che unisce questo territorio, che vuole esplorare la sua anima di confine: tre regioni, tre province, tre valli, tre accenti dialettali, ma con un unico polmone di respiro: il suo immenso “mare verde”, prendendo a prestito ciò che Tonino Guerra ha visto di quella natura che avvolge i Sassi. Il respiro degli alberi è il ponte che collega il territorio, perché “vivere è un respiro che sta chiuso anche in una foglia”.

IT.A.CÀ, con il diritto di respirare, é l’invito a ri-stabilire le relazione dell’uomo con se stesso, con gli altri e con la terra, a riflettere su cosa significa abitare nei territori marginali, che possono fare della loro identità il punto di forza per sperimentare modelli di dialogo e cooperazione, grazie al respiro della natura.

Il PROGRAMMA dei tre giorni del festival, 24-25 e 26 settembre, è stato costruito dal basso, in maniera partecipata, coinvolgendo istituzioni, associazioni e persone che abitano i luoghi del Parco e che Chiocciola la casa del nomade, in questi anni di lavoro e presidio territoriale, ha intercettato, sostenuto e messo in rete.

A partire da aprile si sono organizzati incontri di presentazione e facilitazione per arrivare alla definizione di un programma complesso che invita a scoprire luoghi e culture attraverso itinerari a piedi e a pedali, seminari, laboratori, mostre, concerti e degustazioni per lanciare un’idea di turismo più etico e rispettoso dell’ambiente e di chi ci vive.

Si parte VENERDI 24 settembre con un incontro che mette insieme i due GAL che agiscono sul territorio, il GAL Montefeltro e il GAL Valli Marecchia Conca, e il Cast – Università di Bologna: “RICOLORARE IL PAESAGGIO. DIBATTITO SU NUOVI PRODOTTI TURISTICI PER L’INTERPRETAZIONE DEL PAESAGGIO” che si svolgerà alle ore 10.30 presso il Barco Ducale e in diretta sulla pagina FB del Festival IT.A.CÀ. Maggiori informazioni su https://bit.ly/3tT7Df7

Il pomeriggio alle 18.00 “I POLMONI DI SESTINO” una visita guidata al MANSS Museo Archeologico Naturalistico e Centro Visite della Riserva Naturale di Sestino (AR) con degustazione di prodotti tipici locali. A cura di Sestino Operae Vitae, Pro Loco di Sestino, Meet Valtiberina. Maggiori informazioni su https://bit.ly/3klFQRq

SABATO 25 settembre ore 10 al Lago di Andreuccio, Soanne – Pennabilli (RN) “RESPIRO E SONO UN ALBERO BAGNO DI FORESTA AL LAGO DI ANDREUCCIO” a cura della psicologa Isabella Ferlini. Maggiori informazioni su https://bit.ly/3nMdWQI

Sempre alle 10 a Frontino (PU) “I SEMI DI FRONTINO A SPASSO CON GLI ALPACA A MONTEFIORENTINO E VISITA ALLO STORICO MULINO DEL PONTE” a cura della fattoria didattica Sora Madre Terra e Mulino DiVino. Maggiori informazioni su https://bit.ly/3nNZBmY

Nel pomeriggio “CONFINE NON CONFINE ESPLORAZIONE DELL’ANIMA DEL PARCO ATTRAVERSO L’INCONTRO DI TRE CAROVANE NEL PUNTO DI UNIONE DELLE TRE REGIONI” a cura di Chiocciola la casa del nomade e Prometeo Bike. Ore 14.00 / 19.00 – partenze da Miratoio, Passo Cantoniera, Pennabilli (in e-bike) Maggiori informazioni su https://bit.ly/3EzpLQk

La sera, alle 20 al Campo Sportivo di Molino di Bascio – Pennabilli (RN) “IL RESPIRO DELLA MUSICA TRA I POPOLI SERATA CON MUSICHE POPOLARI INTERNAZIONALI”, cena su prenotazione a cura di Amici del Molino e Doctor Folk. Maggiori informazioni su https://bit.ly/3AskcAw

DOMENICA 26 settembre alle ore 9 “DI ANELLO IN ANELLO ESCURSIONE NEI DINTORNI DI PENNABILLI TRA PICCOLI BORGHI E ANTICHI SENTIERI” a cura di D’la de Foss. Maggiori informazioni su https://bit.ly/3Eut4YV . Ore 11.30 – 13.00 sempre a Pennabilli (RN) Loc. La Filanda, Via Marecchiese, 16 “PROGETTO BATISFERA ESPLORAZIONE DI MONDI SUBACQUEI TRA RANE E NINFEE” a cura di Explorandia. Maggiori informazioni su https://bit.ly/3tTzKuD

Nel pomeriggio, dalle 16.30 al MUSSS – Museo Naturalistico del Parco Sasso Simone e Simoncello di Pennabilli e in diretta sulla pagina FB del Festival IT.A.CÀ un convegno a cura di Chiocciola la casa del nomade dal titolo “RESPIRA IL PARCO DIBATTITO SULL’ABITARE LE COMUNITA’ DELL’APPENNINO”. Partecipano al dibattito Augusto Ciuffetti, ricercatore e docente di storia economica e sociale presso l’Università Politecnica delle Marche; Paolo Piacentini, Presidente Federtrek Chiara Caporicci, Ass. C.A.S.A. (Cosa Accade Se Abitiamo); Roberto Sartor, Ass. Chiocciola la casa del nomade; Lino Gobbi, Presidente del Parco Interregionale del Sasso Simone e Simoncello; Fiorenzo Rossetti, Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità-Romagna; Gigi Mattei Gentili, Festa “Gli antichi frutti d’Italia si incontrano a Pennabilli”. Maggiori informazioni su https://bit.ly/3tTzKuD

Segnaliamo inoltre che sabato 25 e domenica 26 settembre di terrà la 14ma edizione della manifestazione ideata da Tonino Guerra “GLI ANTICHI FRUTTI DI ITALIA SI INCONRANO A PENNABILLI” per celebrare la biodiversità e il lavoro contadino. Il programma è consultabile alla pagina FB dell’evento.

Sabato 25 e Domenica 26 settembre, dalle 16 alle 19, è possibile visitare la mostra “L’ACQUA, LA PIETRA, LA FARINA. I MULINI DELLA VALMARECCHIA” a cura della Fondazione Valmarecchia, presso il Musss – Museo Naturalistico del Parco Sasso Simone e Simoncello, Viale dei Tigli 5, Pennabilli. Per informazioni: info@musss.it / 349 5008722

CFR WWW.COSMICFRINGERADIO.COM la web radio nata dalla comunità del Festival Artisti in Piazza di Pennabilli è media partner del Festival IT.A.CÀ. Durante i giorni del festival ascolteremo “LA MARGHERITA DI ADELE READING IN RADIO SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO”.

Cosa si sa del cambiamento climatico fuori dagli ambienti scientifici? Che percezione ha la gente delle trasformazioni del clima già in atto e di quelle che si attendono per l’intero pianeta e in modo peculiare per il nostro territorio? A partire da queste domande si è sviluppato il progetto “La margherita di Adele”, una narrazione che racconta due storie parallele in un futuro probabile, ma politicamente evitabile.

  • Venerdì 24 settembre, alle ore 14.00 INTRODUZIONE ALLO SPETTACOLO
  • Sabato 25 settembre, alle ore 14.00 PRIMA PUNTATA DE “LA MARGHERITA DI ADELE” a seguire interverranno: Eva Merloni (Area Europa), Marco Vignudelli (ass. Spostamenti) e Carlo Cacciamani (climatologo)
  • Domenica 26 settembre, alle ore 14.00 SECONDA PUNTATA DE “LA MARGHERITA DI ADELE” a seguire intereverranno: Francesco Suzzi (ass. Ispira), Luca Barani (Climate Route)

Infine la tappa di ITACÀ Sasso Simone e Simoncello aderisce al progetto promosso dalla Rete dei Centri di Educazione Ambientale e alla sostenibilità della Regione Emilia-Romagna per la conoscenza e la divulgazione degli obiettivi dell’AGENDA 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, un programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU. Essa ingloba 17 Obiettivi in un grande programma d’azione per un totale di 169 ‘target’ o traguardi. L’avvio ufficiale degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile ha coinciso con l’inizio del 2016, guidando il mondo sulla strada da percorrere nell’arco dei prossimi 15 anni: i Paesi, infatti, si sono impegnati a raggiungerli entro il 2030.

INFORMAZIONI E PARTECIPAZIONE

E’ necessario prenotare la propria adesione ad una o più iniziative compilando il form presente a questo link: https://forms.gle/eURMf4oJ47kpxcpp9

La maggior parte degli eventi sono con ingresso a contributo libero. Alcuni eventi prevedono il possesso del green pass. E‘ possibile richiedere informazioni sui singoli eventi contattando direttamente l’organizzatore (maggiori informazioni e contatti sono disponibili cliccando il link indicato nell‘evento).

Il territorio interessato è vasto e ricco di luoghi naturali e beni culturali da visitare, è possibile consultare il sito www.parcosimone.it per conoscerlo meglio. In tutti i Paesi si troverà ottimo cibo e numerosi alloggi, per maggiori informazioni contattare sassosimonesimoncello@festivalitaca.it

 

Ultimi Articoli

Scroll Up