Home > Ultima ora politica > Il funerale di Gildo Cosmi, il ricordo del segretario Sacchetti

Il funerale di Gildo Cosmi, il ricordo del segretario Sacchetti

Molti amici e compagni hanno dato oggi pomeriggio nella Sala del Commiato presso il Cimitero Monumentale l’ultimo saluto a Gildo Cosmi, scomparso alcuni giorni fa. La figlia Lisa prima, poi Andrea Gnassi e il Sindaco Jamil Sadegholvaad lo hanno ricordato.

Il Segretario del PD non ha potuto essere presente, ma ha fatto leggere dal membro della Segreteria della Federazione Giulia Corazzi il seguente messaggio:

“Ciao Gildo. Non avrei mai pensato di doverci salutare così. Le ultime parole le abbiamo scambiate un mesetto fa. C’erano le prime avvisaglie di guerra, e come sempre avevi un tuo punto di vista ragionato, fine, che aveva messo a sistema i riferimenti ideali e culturali di chi per tutta la vita ha scelto di guardare il mondo con uno sguardo di parte.

Da-sin. Andrea Gnassi, Andrea e Lisa Cosmi

Con lo sguardo della politica. Nelle persone della tua profondità si può ricondurre ogni passo a una visione politica del mondo. Ed essere così radicati nei propri valori significa lottare, essere duri nel perseverare ma flessibili nel comprendere le ragioni altrui. Capaci di non smettere mai di farsi domande, cercare la ragione delle cose. Per gente come noi, nata e cresciuta nel partito alcune generazioni dopo, credo che questo sia uno dei più begli insegnamenti che i comunisti ci lasciano. La lotta permanente per conquistare ogni giorno un pezzo migliore di mondo. E la tua Gildo è stata una pura testimonianza di quanto questa avventura possa essere avvincente quando è collettiva, se condotta per tramite del Partito, il luogo in cui vita, sogno, gioia e dolore si mescolano facendo di noi qualcosa che è più della somma di noi stessi.

Oggi se ne va un dirigente di partito, un riminese che amava la sua città, e posso dire, un amico. Così mi piace chiamare chi ti sta vicino nei momenti difficili. E di momenti difficili ce ne sono stati in sti anni. Mi ricordo una delle prime telefonate verso Natale 2018, ero appena eletto segretario, situazione difficile nel partito. Ricevo la tua chiamata per gli auguri, sempre con poche semplici parole “lo so che è dura, ma tieni duro e realizza il tuo progetto. Ce la puoi fare”.

Da-sin. Orazio Del Prete, Jamil Sadegholvaad, Stefano Cevoli, Serafino Zanni, Quinto Maioli

E ancora a dicembre 2020 organizziamo una raccolta fondi di beneficienza in pieno lockdown, stavi molto male in quel periodo. Ti ho chiamato per gli auguri “auguri Gildo, buon natale. Come andiamo? Eh non bene, non so quanto duro così, la vedo dura…senti ma come va quella raccolta fondi? E io…va male Gildo…. non è attività per il Pd la beneficenza e ci facciamo una risata.

Dopo mezz’ora bussa alla porta della federazione una signora con 100euro in mano e dice….questi sono da parte di Gildo cosmi per la raccolta fondi di beneficenza….e i mesi dopo a quante riunioni hai partecipato verso le elezioni comunali e poi in campagna elettorale, sempre nello spirito di moderare gli eccessi e puntare dritto all’obiettivo. E con il fardello della malattia continuamente da gestire.

Un impegno quotidiano al massimo delle forze perché Jamil doveva vincere bene.

Purtroppo quelli così non li fanno più come si suol dire, ma so anche che nessuno se ne va davvero finché vive nel cuore di chi resta. Ti dobbiamo tanto e so che anche grazie a questi esempi avremo sempre una motivazione in più per fare meglio, per tenere la barra dritta, per guardare avanti con fiducia. Buon viaggio Gildo.”

Ultimi Articoli

Scroll Up