Home > Ultima ora politica > Il Papa a Rimini? “Più probabile con Gloria Lisi che con Jamil Sindaco”

Il Papa a Rimini? “Più probabile con Gloria Lisi che con Jamil Sindaco”

Gentile Sig. Piccari – scrive in una nota il portavoce di Gloria Lisi – riprendo il suo articolo pubblicato su www.chiamamicittà.it il 12 febbraio scorso https://www.chiamamicitta.it/perche-il-papa-con-jamil-e-da-fazio-ma-mai-con-la-lisi/

Il tema centrale del suo pezzo era l’analisi delle 13 proposte sul Turismo fatte in Consiglio Comunale dal gruppo Gloria Lisi per Rimini. Tralascio i commenti sui termini delle proposte, saggezza vorrebbe che i primi della classe correggano e aiutino i compagni e non puntino il dito sugli errori, se poi di errori si tratta. 

Passo quindi al contenuto del suo articolo, che in fondo sembra voler canzonare quelle 13 proposte fatte dal gruppo Gloria Lisi e indirettamente a motteggiare gli autori che probabilmente non conosce. 

Bene, ora di fronte all’enorme successo di pubblico del raduno degli Alpini – prosegue la nota – le faccio notare documenti alla mano, anzi immagini al seguito, che tale evento fu proposto esattamente nel 2014 dall’allora Consigliere Comunale Murano Brunori Stefano, attuale consigliere del gruppo Gloria Lisi per Rimini. 

L’idea fu accompagnata anche a quel tempo dai commenti ironici della maggioranza, come accaduto per le proposte di quest’anno. 

Ebbene, se ora il raduno degli Alpini è stato, come tutti i media confermano con articoli su articoli, foto e dati, un assoluto e strepitoso successo, vi invito a riporre il sorriso, a lasciar stare il sarcasmo, e a valutare serenamente i contenuti e il senso delle proposte presentate dal gruppo di Gloria Lisi. Troverete come nesso comune il desiderio di portare a Rimini un turismo sano, ricco, divertente, moderno perché ambientalista, legato al benessere e al piacere per l’incontro con gli altri. 

Bene avrebbe fatto la sua ironia forse a pungere la maggioranza, che non ha approvato alcun ordine del giorno sul Turismo e così facendo ha attestato nei fatti il desiderio di replicare un vecchio modello consumistico, mordi e fuggi, delle street parade, delle notti rosa, salvo poi nel tempo recuperare qua e là qualche buona idea altrui. 

Perché allora, probabilmente, il Papa a Rimini con la Lisi e non con Jamil? 

Principalmente – conclude la nota del gruppo Gloria Lisi per Rimini – per due motivi: Il primo è una questione temporale, se come per il raduno degli Alpini ci vorranno 8 anni per copiare la proposta, Jamil potrebbe non essere già più il sindaco di Rimini. Secondo, se il prossimo sindaco sarà Gloria Lisi, certamente non ci vorrà tanto tempo per organizzare la visita del Santo Padre”. 

Ultimi Articoli

Scroll Up