Home > Cronaca > Il presidente dell’Ordine dei Medici di Rimini: “Terza dose, troppe esitazioni anche fra sanitari”

Il presidente dell’Ordine dei Medici di Rimini: “Terza dose, troppe esitazioni anche fra sanitari”

Rimini arranca anche nella terza dose, largamente ultima in Romagna nella somminstrazione del richiamo vaccinale. Un ritardo che Maurizio Grossi, presidente dell’Ordine dei Medici della provincia, spiega così: “In parte si deve al fatto che in provincia di Rimini si era partiti piano già con le prime dosi, quindi per molt non sono ancora scaduti i sei mesi di intervallo dal booster”.

E poi? “Si nota anche qualche esitazione fra chi già potrebbe fare la terza dose. Diversi medici di base, per esempio, segnalano di pazienti che hanno fatto il vaccino antinfluenzale e vorrebbero attendere un po’ prima di vaccinarsi di nuovo contro il covid. In realtà si possono fare tranquillamente i due vaccini assieme, salvo situazioni veramente particolari”.

E i sanitari? “Putroppo anche fra loro ci sono dei ritardi. E si inizia a vederne le conseguenze: in diversi si sono ammalati, pur in maniera poco grave, ed erano stati vaccinati ben più di sei mesi fa. Forme leggere della malattia, ripeto, però quanta basta per lasciare del personale a casa anche per una settimana e più, con tutte le conseguenze sul servizio”.

Quanto al fronte disciplinare, i santari sospesi perchè rifiutano il vaccino sono scesi di un’unità, avendo un medico deciso di vaccinarsi; il totale quindi in provincia di Rimini è di 57.

Più di uno fra i sanitari no vax hanno fatto ricorso al TAR contro la loro sospensione da funzioni e stipendio. Il tribunale amministrativo dell’Emilia Romagna dovrebbe pronunciarsi con un’unica sentenza il prossimo 25 novembre su tutti i ricorsi opposti in Regione.

Ultimi Articoli

Scroll Up