Home > Ultima ora Attualità > Il riminese dottor Arlotti insignito Commendatore di Sant’Agata della Repubblica di San Marino

Il riminese dottor Arlotti insignito Commendatore di Sant’Agata della Repubblica di San Marino

Nella mattinata odierna, all’interno della Sala del Consiglio Grande e Generale, è stata conferita dal Segretario di Stato per la Sanità, Roberto Ciavatta, insieme a al Segretario di Stato agli Esteri Luca Beccari, l’onorificenza di Commendatore dell’Ordine Equestre di Sant’Agata al Commissario Straordinario per l’emergenza sanitaria Covid-19, Dottor. Massimo Arlotti.

Gli Ecc.mi Capitani Reggenti, il Segretario di Stato agli Affari Interni Elena Tonnini, i vertici della Segreteria Sanità e dell’Istituto Sicurezza Sociale hanno accolto calorosamente l’infettivologo riminese, ringraziandolo per l’incessante attività portata avanti durante il difficile periodo dell’emergenza sanitaria. Un impegno prezioso dal punto di vista professionale e umano, che ha permesso alla Repubblica di San Marino di debellare l’emergenza sanitaria prima della stessa Italia.

Roberto Ciavatta (Segretario di Stato alla Sanità e Sicurezza Sociale): “Siamo fieri di poter insignire il Dottor. Arlotti di uno dei più alti riconoscimenti di merito per il nostro Paese. Un’Onorificenza che è stata fortemente voluta dalla scorsa Reggenza e condivisa da tutto il Congresso di Stato, per un professionista, un medico, che ha permesso alla Repubblica di San Marino di affrontare con onorabilità e attenzione uno dei periodi più difficili della sua storia recente. I sammarinesi non sono soliti dimenticare i propri doveri di gratitudine”.

Massimo Arlotti (Commissario Straordinario per l’emergenza sanitaria Covid-19): “Sono commosso e onorato di ricevere questo riconoscimento, una delle soddisfazioni più belle della mia carriera professionale e personale. Tengo a ribadire anche in questa sede che senza il lavoro dei medici, gli infermieri e di tutto il personale che senza sosta ha lavorato durante l’emergenza Covid-19, superare con merito questo periodo sarebbe stato impossibile. Mi preme anche ricordare che la battaglia non è finita, ed è solo uniti che riusciremo a vincere questa sfida epocale”.

Scroll Up