Home > Primo piano > Il tiktoker di Rimini: “Umiliato e aggredito durante la Notte Rosa perchè gay”

Il tiktoker di Rimini: “Umiliato e aggredito durante la Notte Rosa perchè gay”

Insultato, inseguito e umiliato durante la Notte Rosa “perchè gay”. È quanto ha denunciato su TikTok – dove ha circa 600mila follower – e su Instagram Avocadogabb, al secolo Gabriele Gentile, 21enne riminese.

In diversi video ha raccontato quanto accaduto nella notte tra sabato e domenica: “Stavo tornando nell’albergo in cui lavoro col monopattino quando mi imbatto in un gruppo di giovani, di circa 24-25 anni. Hanno visto che sono evidentemente gay, hanno iniziato prima a insultarmi e poi a lanciarmi tutta la birra addosso”, ha detto.

Il 21enne dice di aver perso il controllo del mezzo e di essere finito fuori dalla ciclabile, nella corsia delle auto: solo “per qualche secondo la macchina è riuscita a frenare in tempo”. Ma il gruppo di giovani, racconta, torna verso di lui. “In quei secondi ho temuto per il peggio perché se fossero riusciti a raggiungermi non so cosa sarebbe potuto succedere”. E’ poi fuggito a bordo del suo mezzo. “Dopo questa aggressione mi sento minuscolo, piccolo, mi sento indifeso come se non ci fosse nulla che io possa fare per difendermi e cambiare le cose”, si sfoga.

La sera stessa, Avocadogabb aveva mostrato in video la maglietta inzuppata di birra e il monopattino, spiegando in sintesi l’accaduto eper poi commentare: “Tutto questo quando è appena finito il mese del Pride, sono contento che ne se parli perchè spero che queste cose non accadano più, ora è capitato a me”. Ha quindi annunciato che sporgerà denuncia e ha aggiunto: “Non voglio credere a quello che mi è successo, voglio letteralmente piangere”. La denuncia è stata presentata il giorno seguente ai Carabinieri: “Erano già a conoscenza dell’accaduto, sono stati bravissimi e serissimi”.

Gabriele Gentile lavora a Rimini nell’albergo di famiglia: “L’hotel più seguito del mondo su Tik Tok”, scherzava con i followers prima dell’accaduto.

“Ennesimo caso di omofobia, ennesimo caso isolato di quello che per qualcuno è un fenomeno che non esiste – stigmatizza Marco Tonti, presidenteArcigay Rimini e consigliere comunale. – La giovane celebrità sui social ha trovato il coraggio, ancora con la voce tremante, di denunciare. Lo stesso coraggio che purtroppo molte persone LGBTQI spesso non riescono a trovare e subiscono per anni l’omotransfobia. È stato aggredito da vigliacchi che si ritenevano in diritto di farlo, di umiliarlo pensando magari che non avrebbe reagito. Invece non solo Gabriele ha avuto la presenza di spirito di scappare ma ha anche dato un grande esempio di coraggio denunciando pubblicamente quanto avvenuto. Nel suo video cita il Pride Month che a Rimini ancora è in corso perché il Rimini Summer Pride ci sarà il prossimo 30 luglio e Gabriele ovviamente è invitato. Ci auguriamo che come lui tutte le altre persone bersaglio di omotransfobia trovino la forza di denunciare, perché ciò avvenga bisogna agire non solo a livello culturale ma anche politico”.

Tonti torna a chiedere “una legge penale che punisca l’omotransfobia”. Ma siccome questa prevenzione non arriva, “occorre non solo condannare atti come quello cui assistiamo oggi ma anche mettere in guardia chi portasse dentro di sé simili intenzioni diffidandolo dal metterla in pratica”.

“A oggi in Europa solo Italia e Bulgaria sono prive di una legge contro i crimini d’odio omotransfobici – ricorda – Occorre che il messaggio da tutte le istituzioni sia chiaro, a partire dal parlamento dove giace inascoltata la legge sull’omotransfobia, fino alle istituzioni locali che devono attivarsi pienamente per la prevenzioni di simili atti, non solo insistendo sulla condanna ma chiarendo che questo odio non può appartenere allo spirito di una città come Rimini che vuole essere aperta, rispettosa, accogliente e libera. Occorre una presa di coscienza, un riconoscimento che questi fatti purtroppo spesso taciuti sono terribile quotidianità per tanti e tante giovani, e fare sapere loro che siamo lì, al loro fianco, sempre”.

Ultimi Articoli

Scroll Up