Home > Ultima ora politica > Indice criminalità, Borgonzoni Galli e Pecci (Lega) attaccano il Pd: “Colpa di chi amministra le città”

Indice criminalità, Borgonzoni Galli e Pecci (Lega) attaccano il Pd: “Colpa di chi amministra le città”

Sono fresche di pubblicazione le graduatorie sulla criminalità in Italia riportate dal Sole 24 Ore, che vedono Rimini al secondo posto per reati denunciati nel 2018. La notizia è stata commentata dal Sindaco Gnassi, che pur avendo evidenziato alcune criticità, ha anche posto l’accento sul calo delle denunce avvenuto in via progressiva nel corso degli anni. Non è dello stesso parare la Lega, con la candidata alla presidenza della Regione Lucia Borgonzoni e il segretario provinciale Bruno Galli a commentare in maniera critica l’intervento del primo cittadino riminese.

Rimini continua a conservare il peggior biglietto da visita in tema di sicurezza.  Sarà un caso ma a livello nazionale la maglia nera della criminalità va tutta a città governate dalla sinistra. E in questa triste graduatoria Rimini è al secondo posto“. Così la senatrice della Lega Lucia Borgonzoni, candidata alla presidenza della Regione. Per la Borgonzoni Il problema è politico. “Con 6 città emiliano romagnole governate dal Pd (o che all’epoca delle rilevazioni erano governate dal Pd) tra le prime venti maglia nera d’Italia, è chiaro che è una questione politica. Lassismo, tendenza a sottovalutare i rischi dell’immigrazione irregolare e buonismo, tipici della sinistra, sono le premesse peggiori per prevenire e contrastare il crimine. E a farne le spese sono i cittadini, la cui esigenza di sicurezza è troppo spesso bollata dal Pd come una semplice ‘percezione’“.

A rincarare la dose il segretario provinciale di Lega Rimini Bruno Galli. “Le forze dell’ordine fanno un lavoro straordinario, ma l’amministrazione che fa? Il problema è strutturale, sono infatti anni che Rimini è relagata a quella posizione. E nelle parole del sindaco Andrea Gnassi leggiamo più il tentativo di trovare delle fantomatiche giustificazioni che la piena volontà di risolvere i problemi mettendo sul tavolo proposte concrete per dare a Rimini e ai riminesi la sicurezza di cui hanno diritto. Il nostro splendido territorio merita di più”.

Il capogruppo in consiglio comunale Marzio Pecci mette in relazione le indagini della procura sugli appalti con la classidfica del sole 24 ore.

“I dati sulla criminalità in Italia diffusi dal Sole24ore confermano che anche questo anno Rimini é stabilmente (!) al secondo posto, dopo Milano. Questa posizione la conserviamo da qualche anno e per questo non possiamo condividere le ripetitive e superficiali dichiarazioni del Sindaco.
La Lega, da sempre, ritiene che la sicurezza del cittadino debba essere salvaguardata ad ogni costo ed i decreti sicurezza, approvati dal precedente Governo, per volere del Ministro degli interni, Matteo Salvini, ne sono la prova.
L’analisi dei dati pubblicati ci fa dire che a Rimini il problema esiste da diversi anni e che l’Amministrazione Comunale non fa nulla per risolverlo: il modus comportandi è in perfetto stile riminese “non muovere niente” perché il problema “si risolve da solo”.

In risposta alle dichiarazioni del Sindaco diciamo che non ci piace la polemica e non siamo distratti.
Noi crediamo che, a Rimini, la legalità vada ripristinata e per dare il buon esempio bisogna partire proprio dall’Ufficio del Sindaco con la rimozione del capo-gabinetto che, come hanno dimostrato le indagini della Procura della Repubblica di Rimini, non garantisce la buona amministrazione.

Suggeriamo anche di rimuovere e spostare, ad altre funzioni, i dirigenti e gli impiegati coinvolti negli scandali degli appalti ed il comune deve costituirsi parte civile nel processo a carico degli imputati, che dovranno comparire a breve avanti il GIP, proprio per affermare il principio di legalità.
Poi ancora occorre che la Polizia Municipale, previa revisione dell’organico, venga impiegata più per la sicurezza della città piuttosto che impegnarsi per le contestazioni delle sanzioni al codice della strada.

Occorre inoltre un maggiore controllo contro l’abusivismo commerciale, sia ambulante che stabile, perché non è solo un fenomeno stagionale e ad esso è legato il traffico del riciclaggio di denaro e delle altre attività criminali.
Per uscire dalla graduatoria, che degrada l’immagine di Rimini occorre che il Sindaco si faccia promotore di un progetto di sicurezza della città che coinvolga i vertici delle forze dell’Ordine, la Prefettura e il Ministero degli Interni.

Occorre poi creare un osservatorio per il monitoraggio dei passaggi di proprietà delle attività commerciali e delle aziende del territorio.
Le dichiarazioni ripetitive del Sindaco, fino ad oggi, non hanno portato a nessuna soluzione.
Per risolvere i problemi ci vuole solo senso dell’istituzione e grande impegno nel voler risolvere i problemi … il resto sono solo chiacchiere.”

 

 

Scroll Up