Home > Ultima ora economia e lavoro > Indino su evento-test a San Marino: “Importante per risultati scientifici. Anch’io andrò”

Indino su evento-test a San Marino: “Importante per risultati scientifici. Anch’io andrò”

“Ora ci sono la data ufficiale, l’elenco degli artisti che saliranno in consolle e le regole di partecipazione. San Marino è pronto ad ospitare l’evento-test sul ballo e per noi è un ottimo segnale, un tentativo di ripresa che ci apre il cuore”.

Queste le parole di Gianni Indino, presidente del SILB-Fipe dell’Emilia Romagna, che continua: “Di sicuro è un grande messaggio che l’Antica Terra della Libertà lancia all’Italia. Il percorso messo in campo dalla Repubblica di San Marino ha come scopo primario quello di contribuire con questa manifestazione ad accelerare il percorso di ritorno alla vita normale, ai momenti di divertimento, di socialità e di relazioni che in questo lunghissimo periodo tutti e in particolare i giovani, hanno dovuto demandare esclusivamente alle nuove tecnologie digitali”.

“Come SILB-Fipe Confcommercio rimaniamo attenti spettatori di un evento al quale va riconosciuta la grande volontà e soprattutto il grande coraggio, considerate le criticità, la diffidenza e i giudizi che esistevano nel periodo in cui è stato inizialmente pensato. Il Segretario di Stato Federico Pedini Amati ha creduto fortemente in questo progetto e per realizzarlo ha voluto accanto uno degli imprenditori più dinamici del mondo della notte italiano, Tito Pinton, proprietario del Musica di Riccione e del Muretto di Jesolo, oltre che di altri locali in Italia. Complimenti a loro”.

“Da parte mia ritengo questo evento di notevole importanza soprattutto per i risultati scientifici e sanitari che ne scaturiranno e che potranno indirizzare la ripartenza del settore intrattenimento. I dati consentiranno un’attenta lettura degli effetti sui partecipanti e sui lavoratori di questa serata, che verrà svolta con apposite norme di sicurezza, ma comunque all’insegna della libertà di divertirsi e ballare. Considerando anche la cancellazione dei due eventi-test a Milano e Gallipoli che sono stati annullati per una serie di motivi che non sta a noi giudicare, il test di San Marino acquisisce ancora maggiore rilievo a livello nazionale ed europeo, in quanto i risultati scientifici saranno determinanti per la stesura di protocolli, linee guida e modalità per riaprire in sicurezza, condizione minima a cui tutti aspiriamo”.

“Anch’io parteciperò all’evento del 19 giugno. Voglio esserci per rendermi conto se le persone riusciranno a rispettare regole e norme di sicurezza, anche se già immagino che la mia partecipazione si limiterà a godermi una serata di buona musica e divertimento: la macchina organizzativa è pronta a mettere in campo tutte le professionalità che l’evento richiede. Sono convinto che sarà un grande successo e che i risultati scientifici che ne usciranno andranno nella direzione auspicata da tutti noi e che saranno capaci di dare il “la” al governo italiano affinché anche nel nostro Paese in tutta sicurezza si possa dire: finalmente si apre e si torna a ballare”.

Ultimi Articoli

Scroll Up