Home > Ultima ora economia e lavoro > Investimenti e Coronavirus: il boom del trading online analizzato da tradingonline.io

Investimenti e Coronavirus: il boom del trading online analizzato da tradingonline.io

I.P.

La pandemia da Sars-Cov-2 ha cambiato gli scenari economici e sociali, abbattendosi in maniera importante su alcuni settori e consentendo invece ad altri settori di crescere. Le restrizioni sociali hanno ridotto le opportunità di spesa degli italiani ed hanno consentito loro di aumentare la quota di risparmio, nonostante nell’ultimo anno ci sia stata una generale riduzione degli introiti.

Il maggior tempo libero a disposizione ed il desiderio di trovare nuove possibili fonti di guadagno hanno spinto gli italiani ad approfondire le loro conoscenze sul trading online. Basta dare uno sguardo ai numeri del settore relativi agli ultimi dodici mesi per rendersi conto del boom del trading digitale, che è diventato popolare anche tra coloro che non si erano mai occupati in precedenza di operazioni di investimento.

A dimostrare il successo del trading online, vi è la crescita delle piattaforme di investimento digitali. Molte di esse hanno visto un incremento vertiginoso degli iscritti nell’ultimo anno ed anche un aumento del volume delle operazioni eseguite attraverso la piattaforma. Grazie al trading molte persone hanno potuto destinare una parte del loro capitale agli investimenti, avvicinandosi in questo modo al settore finanziario e dando vita in taluni casi ad una nuova fonte di introito.

 

Perché il trading online è così apprezzato dagli investitori?

Il trading online è apprezzato dagli investitori per svariati motivi, sono diverse infatti le ragioni che possono giustificare la crescita delle piattaforme di trading digitale. Uno dei grandi punti di forza del trading è la semplicità di investimento, la quale spiega come mai il trading sia diventato diffuso anche tra i non esperti di finanza. E’ proprio la quota di investitori inesperti ad essere cresciuta maggiormente negli ultimi mesi: gli investitori esperti sfruttano il trading ormai da diversi anni, mentre molti risparmiatori si sono avvicinati a questa forma di investimento di recente.

Un altro motivo che sta contribuendo alla diffusione del trading è la possibilità di investire su asset diversi. Creando un account di investimento su una piattaforma online con autorizzazione della Consob sarà possibile aprire posizioni finanziarie scegliendo tra i numerosi asset a disposizione, tra cui anche asset innovativi come le criptomonete.

Tra i principali punti di forza non vanno dimenticati infine i costi di investimento ridotti. Le piattaforme di trading applicano infatti delle commissioni contenute e si eviterà di pagare la consulenza finanziaria richiesta dalle banche e dalle società di investimento. Ciò è vantaggioso per tutti gli investitori, ma soprattutto per coloro che iniziano ad operare con un capitale ridotto e che non riuscirebbero a sostenere degli elevati costi di gestione del denaro.

 

Fare trading online durante la pandemia da coronavirus

La situazione di emergenza sanitaria non si è ancora conclusa ed in Italia – così come in molti altri paesi del mondo – è tuttora in corso una fase di crisi economica. Nonostante le difficoltà economiche per molti settori, il trading online durante la pandemia può rappresentare una buona opportunità di guadagno per coloro che sapranno individuare i trend del mercato ed aprire e chiudere le posizioni finanziarie di conseguenza.

Per provare a guadagnare con le operazioni di trading e per evitare di ridurre il proprio capitale di partenza è utile avere una strategia di investimento. Si possono seguire i consigli degli esperti di Tradingonline.it, un sito web specializzato in trading digitale ed aggiornato di frequente con le news più importanti e con guide dettagliate sul trading e gli investimenti. La strategia di trading deve prevedere anche una valida gestione del rischio, che si può ottenere ad esempio utilizzando strumenti come lo stop loss, che chiude in automatico le posizioni aperte quando si raggiunge la percentuale massima di riduzione del capitale impostata.

Ultimi Articoli

Scroll Up