Per puté fè un insógn,
ènzi tótt u jè bšägn,
d’un sän piutòst prufänd,
ch’ut pòrta t un ènt mänd.

Duvè ch’lis tròva après,
ròbi vèci e d’adès,
fazi bèli, fazi trèsti,
zà cnusudi o mai vésti.

Tót it lasa dét qualcosa,
s’na fréša mistèriòša,
e té dimpèt ma stè fat,
té sän ta t’arabat.

Se qualcun ut vèin zarché,
ui sarà e’ su perché,
però té ta ne capès,
e isé ta t immatès.

U jè t’insógn i suriš,
us véd l’ós de paradiš,
cun ilé e’ Pedrètèrne,
piutóst de fòg dl’infèrne.

Ui pò és òr e quatrèin,
‘na dòna ch’lat vò bèin,
la tu ma’ ch’las racmanda,
té ta n’è sugnè gianda!

Se t’insógn e’ mòrt ch’ e’ zcär,
e ch’ut dà strèda da cór,
o un ènt ch’ut dà un cazòt,
jè tótt nómèr per e’ lòt.

Mo l’insógn bròt o bèl,
bšägna ènca intèrprètèl,
ui vò un stròlg ad mis-cér,
na un dutór o un infèrmiér.

Ló ut dmanda chi t’ci,
se la nòta t’è durmì,
l’insógn ch’ut dà da fè,
ul lez te fänd de cafè.

Dòp ch’u n’à bù sèt-òt,
ut dà i nòmér de lòt,
ambo e’ tèrne jè sicur,
però un ti diš a te zur!

Ivano Aurelio Muratori

I SOGNI

Per poter fare un sogno,/ anzitutto c’è bisogno,/ di un sonno piuttosto profondo,/ che ti porta in un altro mondo.

Dove si trovano appresso,/ cose vecchie e di adesso,/ facce belle, facce tristi,/ già conosciute e mai viste.

Tutti ti lasciano detto qualcosa,/ con una frase misteriosa,/ e di fronte a questo fatto,/ nel sonno ti arrabatti.

Se qualcuno ti viene a cercare,/ ci sarà il suo perché,/ peró tu non lo capisci,/ e così ti ammatisci.

Ci sono nei sogni i sorrisi,/ si vede l’uscio del paradiso,/ con lì il Padre Eterno,/ piuttosto del fuoco dell’inferno.

Ci possono essere oro e quattrini,/ una donna che ti vuole bene,/ tua mamma che si raccomanda,/ non hai sognato ghianda!

Se sogni il morto che parla,/ e che ti dà strada da correre,/ o un altro che ti dà un cazzotto,/ sono tutti numeri per il lotto.

Ma il sogno brutto o bello,/ bisogna anche interpretarlo,/ ci vuole un indovino di mestiere,/ non un dottore o un infermiere.

Lui ti chiede chi sei,/ se la notte hai dormito,/ il sogno che ti dà da fare,/ lo legge nel fondo del caffè.

Dopo che ne ha bevuti sette otto,/ ti dà i numeri del lotto,/ ambo e terno son sicuri,/ però non ti dice te lo giuro!

Ultimi Articoli

Scroll Up