Home > Ultima ora politica > Jamil Sadegholvaad e Chiara Bellini a Matteo Salvini: “Si ricordi quanto non ha fatto per la nuova Questura”

Jamil Sadegholvaad e Chiara Bellini a Matteo Salvini: “Si ricordi quanto non ha fatto per la nuova Questura”

Ill.mo Onorevole Salvini – scrivono Jamil Sadegholvaad e Chiara Bellini, candidati del centro sinistra alle prossime elezioni amministrative – domani Lei sarà a Rimini e naturalmente Rimini le dà il suo benvenuto. In questa città non ci sarà bisogno di citofonare né di informarsi in precedenza per conoscere se una strada, un porto, un casello autostradale sono sbarrati: Rimini, libera e democratica, rispetta ogni persona e ogni opinione. Ci mancherebbe.

 

Ci perdoni, però, se le rammentiamo che Lei ha un debito con tutti i cittadini che qui vi abitano. Provi a fare mente locale. Nel 2018, appena insediato sulla poltrona di Ministro dell’Interno, non ebbe alcuna remora nello stracciare l’accordo ufficiale, sottoscritto l’anno precedente dal suo predecessore Minniti e dalla Prefettura di Rimini, che avrebbe messo fine allo scandalo di Stato della nuova Questura di Rimini, dando finalmente una casa efficiente e mezzi adeguati alle forze dell’ordine che qui, ogni anno da decenni, fanno i miracoli per supplire ai deficit e alle dimenticanze nazionali in ordine alla sicurezza. Quella sua mossa arrogante – fatta non si sa perché, non si sa per chi – ha fatto perdere a questa comunità, alla provincia di Rimini, almeno tre anni. Tre anni in cui Polizia, Carabinieri, Guardia di finanza – prosegue la lettera aperta di Jamil Sadegholvaad e Chiara Bellini  avrebbero finalmente avuto risposta alle loro reiterate richieste, potendo concentrarsi serenamente al lavoro sul campo. In più, Onorevole Salvini, Lei non ha mosso (e, per la verità, non lo ha fatto chi è venuto prima e dopo di Lei) un dito per adeguare la classificazione della Questura di Rimini a una realtà territoriale che, al di là dei suoi 350 mila residenti formali, conta ogni anno su 16 milioni di presenze turistiche e almeno un’altra decina di cosiddetti escursionisti. 

Questo è fattuale, Onorevole Salvini. Se poi – scrivono ancora Jamil Sadegholvaad e Chiara Bellini – nella sua visita in città, Lei dovesse mai accennare a ordine pubblico, sicurezza, ricordi gentilmente a tutti quello che ha fatto e soprattutto quello che non ha fatto per Rimini, quando aveva il ruolo e le possibilità di legge per farlo. E magari dia anche un consiglio a sindaci della sua area politica che, anche di recente, per giustificare uno stato precario sull’ordine pubblico nel proprio territorio, hanno pensato bene di scaricare la colpa su altri Comuni e sulle forze dell’ordine che quotidianamente vi operano con impegno e grande spirito di abnegazione.

 

Ill.mo Onorevole Salvini,

Rimini le dà il suo benvenuto, senza ombre né sottintesi. Lei sa che questa è una città onorata della Medaglia d’Oro al valor civile per essere restata in piedi durante la tragedia della Seconda guerra mondiale, facendo fronte con orgoglio e con il sangue dei propri figli alla violenza nazifascista. Per questo Rimini non rinuncerà mai – concludono Jamil Sadegholvaad e Chiara Bellini – ad essere all’altezza della propria storia, della propria libertà della propria solidarietà. Così come sta accadendo in questi giorni, con l’adesione – insieme a gran parte delle città d’Italia – all’appello per aiutare il dramma di popolazioni intere, bambini, donne e uomini, che fuggono lanciandosi nel filo spinato dal terrore dell’intolleranza.

Questa è Rimini, Onorevole Salvini. Non lo dimentichi mai, per favore. Saluti”.

Ultimi Articoli

Scroll Up