Tótt quant nun avém ‘na stòria,
ch’la rèsta tla mèmòria,
e la vèin in mèint,
s’jarcòrd di tènt in tènt.

L’è e’ cino dla vita,
ch’las fà pina da švóita,
un albun ad futògrafì,
ad quel ch’l’è pas vi’.

L’è séni ch’al scór,
ad chi nas e ad chi mor,
ad chi us spòša, ad chi us divid,
u jé da pianz e da rid.

Ad tè la rèsta sgnèda,
la pèdga dla camnèda,
l’è al trazi ch’us lasa,
sla tèra indu ch’us pasa.

J’arcòrd jè cum e’ vèint,
ta ni véd però tai sèint,
agl’jè dal foj che lis mòv,
e’ infézni che t’artròv.

Paròli ch’i t’à dét,
e e’ còr i t’à trafét,
agl’jè arvènzi scréti ilé,
in mòdi d’arcurdè.

Ti arcòrd u jè d tótt,
ui ne di bèl e di brót,
te ségrét de cór i bala,
epù i vèin a gala.

It dà pèša o it turmèinta,
it fà durmì o it s-cmènta,
mo quèst e’ dipènd da té,
e da quel che t’è simnè.

Ivano Aurelio Muratori

I RICORDI

Tutti quanti noi abbiamo una storia,/ che resta nella memoria,/ e viene in mente,/ coi ricordi di tanto in tanto.

È il film della vita,/ che si riempie da vuota,/ un album di fotografie,/ di quello che è passato.

Sono scene che scorrono,/ di chi nasce e di chi muore,/ di chi si sposa, di chi si divide,/ c’è da piangere e da ridere.

Di te rimane segnata,/ l’orma della camminata,/ sono le tracce che si lasciano,/ sulla terra dove si passa.

I ricordi sono come il vento,/ non li vedi però li senti,/ sono delle foglie che si muovono,/ e immagini che ritrovi.

Parole che ti han detto,/ e che il cuore ti han trafitto,/ son rimaste scritte lì/ in modo da ricordare.

Nei ricordi c’è di tutto,/ ce ne sono dei belli e dei brutti,/ nel segreto del cuore ballano,/ e poi vengono a galla.

Ti danno pace o ti tormentano,/ ti fan dormire o ti turbano,/ ma questo dipende da te,/ e da quello che hai seminato.

Ultimi Articoli

Scroll Up