Home > Poesia > Klaus Miser: «O come un oppure grande come una nuvola»

Klaus Miser: «O come un oppure grande come una nuvola»

O come un oppure grande come una nuvola
che va viene muove le ginocchia
s’allunga sopra le bocche di leone al portocanale
poi stupita rientra nel quadro di vangogh che sognavi tu
dello stesso celeste mantegna furono ammantati i greti dei fiumi
i venti oceanici le pile dei ponti
donne greche e nontiscordardime
con gli occhiali da sole a spitanfields market
lontani: i tetti di ardesia
succubi di un celeste sbiadito una volta per tutte
dalla grande alba big bang che qualcuno ha visto
sorgere su un muro baltico
eravamo tutti al party nessuno ha visto
puoi sentirmi?
scende la coltre fredda i fiati si spingono verso nord
lacrime muovono a est

Klaus Miser (Pescara, secolo scorso)

Scroll Up