Home > La puèšia ad Muratori > La campèva da par léa

Pròpie tachèd ma chèša mia,
prima dla fèin dla via,
u j’éra una cašina,
biènca e znina znina.

Du ch’ui stéva ‘na vćèta,
la campéva, la purèta,
da par léa, sèinzà nisun,
e l’amór ad qualcun.

L’éra vstida pòc bèin,
da una ch’lan gni tèin,
e cumunque tóta in nér,
cumè un carabignér.

Malincònica, trašandèda,
sèinza rusèt e spitnèda,
quand la mitéva e nèš fura,
la putéva fè pavura.

La stéva s’un banchèt,
mašèda dré e’ scurèt,
e tra i richèm di tèndèin,
la guardéva mi všèin.

Las mitéva se purtòun,
cun al s-ciafli e e’ zinalòun,
e la féva dré la réda,
e’ buš buš sèinza fés véda.

L’arvèva me canzèl,
sna per dì ma di burdèll,
ch’ zughèva sla strèda,
che léa l’éra malèda.

Sla sintiva de scaramaz,
la sréva l’ós se cadnaz,
la batéva só i scurét,
epù las mitèva a lèt.

Quand purèina la e’ mòrta,
jà duvù sfundè la pòrta,
i l’à tròva dop ‘na stmèna,
tinca e stèša sla tumèna.

Ènca tl ùtmi u jè créda,
ch’lan si vlés fè véda,
e sa sta strèna idéa,
la è partida da per léa.

Ivano Aurelio Muratori

CAMPAVA DA SOLA

Proprio vicino a casa mia,/ prima della fine della via,/ c’era una casina,/ bianca e piccola piccola.

Dove ci stava una vecchietta,/ che campava, poveretta,/ da sola, senza nessuno,/e l’amore di qualcuno.

Era vestita poco bene,/ da una che non ci tiene,/ e comunque tutta in nero,/ come un carabiniere.

Malinconica e trasandata,/ senza rossetto e spettinata,/ quando metteva il naso fuori,/ poteva far paura.

Stava s’un banchetto,/ nascosta dietro lo scuretto,/ tra i ricami dei tendini,/ guardava i vicini.

Si metteva sul portone,/ con le ciabatte e il grembiule,/ e faceva dietro la rete,/ il bus bus senza farsi vedere.

Si avvicinava al cancello,/ solo per dire a dei bambini,/ che giocavano sulla strada,/ che lei era ammalata.

Se sentiva del rumore,/ serrava l’uscio col catenaccio,/ chiudeva gli scuretti,/ e poi si metteva a letto.

Quando poverina è morta,/ hanno dovuto sfondare la porta,/ l’hanno trovata dopo una settimana,/ rigida e stesa sulla ottomana.

Anche nell’ultimo c’è da credere,/ che non si volesse far vedere,/ e con questa strana idea,/ è partita da sola.

Ultimi Articoli

Scroll Up