Home > La puèšia ad Muratori > La caricatùra de pataca

Fellini un dé l’à fat,
me pataca e’ su ritrat,
l’è ‘na caricatùra,
ch’ lan chèrga la figura.

U jà fat un còrp sa sóra,
una tèsta da mazòla,
che bèin la s’adata,
me féšicaz de pataca.

Ad zarvèl un n’à ‘na masa,
ló jà fat la fròunta basa,
e cum ch’us pò bèin véda,
l’è èlta sna dó déda.

L’à la faza da s-ciafùn,
marchèda da dó pistùn,
a capì ui vò tènt pòc:
l’é un ch’us téca tróp!

E per šmanitè sa quèl,
u s’è bú e’ zarvèl,
da cumè ch’l’è cunzèd,
us vèd ch’l’è spumpèd.

L’è vistid da fè rid,
calzun curt, s-ciafli ti pid,
calzét e canutiéra,
e’ per guaši una ligéra.

L’è un zuticòun rafinèd,
si cavél impumatèd,
mo isé unt ch’i s’ataca,
ui pòrta snó e’ pataca.

Sla zigarèta azèša,
se néš a la franzèša,
e’ pataca l’è isé,a
Felini u jà pròpi inzchè!

Ivano Aurelio Muratori

LA CARICATURA DEL PATACA

Fellini un giorno ha fatto,/ al pataca il suo ritratto,/ è una caricatura,/ che ne esagera la figura.

Gli ha fatto un corpo con sopra,/ una testa da mazzola,/ che bene si adatta al fisicaccio del pataca.

Di cervello non ne ha molto,/ lui gli ha fatto la fronte bassa,/ e come si può ben vedere,/ è alta solo due dita.

Ha la faccia da schiaffoni,/ marcata da due gran pestoni,/ a capire ci vuole tanto poco:/ è uno che si tocca troppo!

E per smanettare con quello,/ si è bevuto il cervello,/ da com’è conciato,/ si vede che è spompato.

È vestito da far ridere,/ calzoncini corti e ciabatte ai piedi,/calzini e canottiera,/ sembra quasi un fannullone.

È uno zoticone raffinato,/ coi capelli impomatati,/ ma così unti che si attaccano,/ li porta solo il pataca.

Con la sigaretta accesa,/ col naso alla francese,/ il pataca è così,/ Fellini c’ha proprio preso!

Ultimi Articoli

Scroll Up