Home > La puèšia ad Muratori > La fòla di stròzaprét

La Rumagna chèra e bèla,
l’è stè anticlerichèla,
zà che pépa, prét e fré,
i la jà mèlguvernè.

E’ rumagnól, óm inquièt,
l’è un gran magnaprét,
tènimòdi incazèd nér,
sal vesaziòun de clér.

Mo ló l’è un ch’un spéra,
ènziché fè la guèra,
per cumbat sa tótt chi prét,
l’à fat di stròzaprét.

Jè rubèt ch’ is cèma isé,
perché fat per astruzè,
destinéd m’un rèvèrènd,
un pénsiér piutóst urènd.

Ló e’ paséva a mèzdé,
òra giósta per magnè,
e’ déva la bindiziòun,
per un piat ad ministròun.

Un’azdóra puréina,
stòfa òrmaj dla munfréina,
la jà fat me rèvèrénd,
un magnè a dì pòc trèmend.

Na ròba da stè se goz,
farèina e aqua de poz,
bigulin prilèd tal mèni,
a schèns ad tènti šmègni

Cundid s’un pumidór,
se spùd, la tègna e e’ sudór,
e sla céra intènziòun,
ch’in duvéva és tènt bòn.

E prét però e’ stupès,
u si divòra e ui gradès,
dòp du piat ma l’azdóra,
un cmanda d’jèlt ancóra.

Pu ringraziand e’ bòn Gišù,
e gét i m’è piašù,
cumplimèint ma l’azdóra,
una mnèstra ch’la fa gola.

Se per vujèlt l’è listès,
a pasarò pjó da spès,
iqué am sò tròv molt béin,
ringraziand Gišù Bambèin.

I stròzaprét j’à vù suzès,
tènt ch’is fà ancór adèss,
e simbèin ch’is cèma isé,
nisun prèt u s’è struzè.

Ivano Aurelio Muratori

LA FAVOLA DEGLI STROZZAPRETI

La Romagna cara e bella,/ è stata anticlericale,/ giacché papà, preti e frati,/ l’hanno malgovernata.

Il romagnolo uomo inquieto,/ è un gran mangiapreti,/ inquanto incazzato nero,/ con le vessazioni del clero.

Ma lui è uno che non spara,/ anzi che far la guerra,/ per combattere con tutti quei preti,/ ha fatto degli strozzapreti.

Sono robetti che si chiamano così,/ perché fatti per strozzare,/ destinati a un prete,/ un pensiero piuttosto orrendo.

Lui passava a mezzogiorno,/ ora giusta per mangiare,/ dava la benedizione,/ per un piatto di minestrone.

Un’azdora poverina,/ stanca ormai della manfrina,/ ha fatto al reverendo,/ un mangiare a dir poco tremendo.

Una cosa da stare sul gozzo,/ farina e acqua del pozzo,/ dei bigolini girati fra le mani,/ a scanso di tante smanie.

Conditi con un pomodoro,/ con lo sputo, la tigna, e il sudore,/ e con la chiara intenzione,/ che non dovevano essere tanto buoni.

Il prete però stupisce,/ se li divora e li gradisce,/ dopo due piatti all’azdóra,/ ne comanda degli altri ancora.

Poi ringraziando il buon Gesù,/ disse: mi sono piaciuti,/ complimenti all’azdora,/ una minestra che fa gola!

Se per voi è lo stesso,/ passerò più spesso,/ qui mi sono trovato molto bene,/ ringraziando Gesù Bambino.

Gli strozzapreti hanno avuto successo,/ tanto che si fanno ancora adesso,/ benchè si chiamino così,/ nessun prete si è strozzato.

Ultimi Articoli

Scroll Up