Home > La puèšia ad Muratori > La maja néra

Un mi amig cume lavór,/ l’à vlù fè e’ curidòr,/ j géva: pròva daj! / E ló l’à fat e’ šbaj!

L’à córs com un danèd,/ sèinza avè un rišultèd,/ l’arvèva sèimpre tèrd,/ dòp jultme me traguèrd.

Per tnil só e dei cunfòrt,/ jurlèva: dai che t vè fórt!/ Cal vòlti ch’u s’è bòt,/ u n’è arvàt de tótt.

U n’à mai vint ‘na tapa,/ l’éra purtròp ‘na s-ciapa,/ però ui tuchèva cór,/ e zarchè dà fès unór.

L’alenadór che birbòun,/ ui géva brèv campiòun!/ Ló l’arspundèva: ai crèd,/ tènimòdi dòp us véd!

Ma ló un gn’à mai cridù,/ l’à fat quèl ch’l’à putù,/ una gran bèla cariéra,/ l’è dvèint la maja néra.

Quand us vléva ritirè,/ l’alenadór ul tniva ilé,/ ui géva: l’è e’ tu mis-cèr,/ t an si miga un inzgnèr!

U l’à sèimpre cunvint,/ sèinza prumètie gnint,/ per ló un gnèra èltre da fè,/ d stè sla sèla e pidalè.

Ivano Aurelio Muratori

Un mio amico come lavoro,/ ha voluto fare il corridore,/ tutti gli dicevano: prova dai!/ E lui ha voluto commettere l’errore.

Ha corso come un dannato,/ senza avere un risultato,/arrivava sempre tardi,/ dopo gli ultimi al traguardo.

Per tenerlo su e dargli conforto,/ urlavano: dài che vai forte,/ quelle volte che si è buttato,/ non è arrivato del tutto.

Non ha mai vinto una tappa,/ era purtroppo una schiappa,/ però gli toccava correre,/ e cercare di farsi onore.

L’allenatore quel birbone,/ gli diceva: bravo campione!/ lui rispondeva: non ci credo,/ tanto poi si vede!

A lui non ci ha mai creduto,/ ha fatto quello che ha potuto,/ una gran bella carriera, / è diventato la maglia nera.

Quando si voleva ritirare,/ l’allenatore lo teneva lì,/ gli diceva: è il tuo mestiere,/ non sei mica un ingegnere.

L’ha sempre convinto,/ senza promettergli niente,/ per lui non c’era altro da fare,/ di stare in sella e pedalare.

Ultimi Articoli

Scroll Up