Home > La puèšia ad Muratori > La mi zità an la las

Mè an sò un viazadór,/ né per piašér né per lavór,/ la mi zità an la las,/ gnènca per quatre pas.

Ai stag tachèd cmè ma la ma’,/ e an mi mòv meda d’iquà,/ mo gnènca per un dé,/ s’òi da fè? A sò fat isé!

Pjó d ‘na vòlta ò sintì dì,/ che partì l’è cmè murì,/ l’è l’èfèt ch’um fa mu mè,/ sèinza Rémin an pòs stè.

A stag bèin du ch’a sò nèd,/ e am ritèng furtunèd,/ che s’a naséva t un ènt pòst,/ a vniva via a tót i còst.

S’im purtés via d’impérie,/ zà dòp e’ Pòunt d’ Tibérie,/ a faria qualunque coša,/ per arturnè ma chèša.

L’è l’arcèm dla mi zità,/ ch’la vò ch’a staga iquà,/ s’ajamènc per ‘na zurnèda,/ lam zèrca per la strèda.

E mè, d’èltre chènt,/ sa léa a faz èltretènt,/ a sém dó inamurèd,/ ch’i stà sèimpre tachèd.

Da stè isé ò tènta chèra,/ infänd l’è la mi tèra,/ ai stag piantéd cmè ‘na frasca,/ ch’lan si mòv fin ch’lan casca.

Ivano Aurelio Muratori

Io non sono un viaggiatore,/ né per piacere, né per lavoro,/ la mia città non la lascio,/ neanche per quattro passi.

Le sto vicino come alla mamma,/e non mi muovo da di qua,/ ma neanche per un giorno,/ cosa devo fare? Sono fatto
così!

Più d’una volta ho sentito dire,/ che partire è come morire,/ è l’ effetto che fa a me,/ senza Rimini non posso stare.

Sto bene dove son nato,/ e mi ritengo fortunato,/ che se nascevo in un altro posto,/ venivo via a tutti i costi.

Se mi portassero via d’imperio,/ già dopo il ponte di Tiberio,/ farei qualunque cosa,/ per ritornare a casa.

È il richiamo della mia città,/ che vuole che stia qua,/ se le manco per una giornata,/ mi cerca per la strada.

Ed io, d’altro canto,/ con lei faccio altrettanto,/ siamo due innamorati,/ che stan sempre attaccati.

Di star così ho tanto piacere,/ in fondo è la mia terra,/ ci sto piantato come una frasca,/ che non si muove fin che non casca.

Ultimi Articoli

Scroll Up