Home > Primo piano > La nonna di Rimini se ne va a 107 anni, aveva sconfitto covid e Spagnola

La nonna di Rimini se ne va a 107 anni, aveva sconfitto covid e Spagnola

Aveva sconfitto il covid e la Spagnola quando era una bambina, a febbraio avrebbe compiuto 108 anni. Ma la vita di nonna Silvana si è fermata qualche ora fa dopo un breve ricovero all’ospedale Infermi di Rimini. Era ospite del “Valloni”, dove aveva trascorso un Natale sereno. Poi le sue condizioni di salute sono andate peggiorando, fino a a doverla trasferire all’ospedale.

Silvana Dondè aveva festeggiato il suo ultimo compleanno in compagnia dei figli e dell’allora vice sindaca Gloria Lisi, rispettando le dovute protezioni della “stanza degli abbracci”, dopo aver subito 28 giorni di isolamento all’interno della struttura. Era in quel momento la vera nonna di Rimini, la più anziana della città. e in quanto tale figurava ancora nell’ultimo report demografico del Comune di Rimini diffuso oggi.

Assieme ai famigliari, Silvana aveva gestito a lungo l’hotel Leda di viale Pascoli, presidiando la cucina. Fra il 1918 e il il ’20 anche Rimini era stata colpita dalla terribile epidemia dell’influenza “spagnola”, che fu letale soprattutto per i più giovani, ma Silvana, nata nel 1914, l’aveva superata indenne.

Tutti ne ricordano la prontezza e la forza d’animo. “Aveva mangiato tutta la sua fetta di torta – racconta Gloria Lisi – e i figli le avevano perfino fatto ripetere le tabelline, un modo giocoso per sottolineare la sua lucidità”.

“Provo un dispiacere vero nell’apprendere della scomparsa di Silvana. – commenta il sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad – È una parte straordinaria di Rimini che se ne va ma non si perde. I ricordi, la memoria accumulati lungo una vita di 107 anni e che ha attraversato due secoli resteranno e saranno tramandati dai suoi cari, da chi la ha conosciuta e quindi da tante persone nella nostra comunità. Ciao Silvana”.

Ultimi Articoli

Scroll Up