A sém zèinta furtunèda,/ nun ch’avém la palèda,/ l’è e’ sit pjó bèl ch’ui sia,/ l’è un quèdre, ‘na puèšia.

Mè a sò sèimpre iqué,/ a vèng a véda a nas e’dé,/ per stupìm dl’alvèda,/ e per fè ‘na pasigèda.

L’è e’ pòst gióst per pénsè,/ per arspònd ma tènt perché,/ per cuntèmplè zél e’ mèr,/ e šbrujè qualche mistèr.

Per capì cum ch’a sò mès,/ am mèt a zcär si péss,/ simbèin ch’i sia mut,/ im dà sèimpre un aiut.

A guèrd dré mi marinèr,/ che sal bèrchi i ciapa e’ mèr,/ e ma quii ch’i tòrna in pòrt,/ quand e’ sól l’è zà sòrt.

Us capès che la palèda,/ l’è ‘na pòrta spalanchèda,/ per chi in mèr, quand l’è scur,/ e’ zérca un pòrt sicur.

Mo la è d pjó, l’è ‘na ma’,/ e quèl ch’a vòj lam dà,/ s’a vòj pianz, s’a vòj rid,/ sla palèda a sò servid,

S’a vòj fè qualc insógn,/ la sudèsfa e’ mi bšògn,/ lam fà da còna sal su spändi,/ e lam nèna sal su ändi.

Ivano Aurelio Muratori

Siamo gente fortunata,/ noi che abbiamo la palata,/ è il posto più bello che ci sia,/ è un quadro, una poesia.

Io son sempre qui,/ vengo a vedere a nascere il giorno,/ per stupirmi della levata,/ e per far una passeggiata.

È il posto giusto per pensare,/ per rispondere a tanti perché,/ per contemplare cielo e mare,/ e sbrogliare qualche mistero.

Per capire come son messo,/ mi metto a parlare coi pesci,/ sebbene siano muti,/ mi sono sempre d’aiuto.

Guardo dietro ai marinai,/ che con le barche prendono il mare,/ e a quelli che tornano in porto,/ quando il sole è già sorto.

Si capisce che la palata,/ è una porta spalancata,/ per chi in mare, quando è buio,/ cerca un porto sicuro.

Ma è di più, è una mamma,/ che quel che voglio mi dà,/ se voglio piangere, se voglio ridere,/ con la palata sono servito.

Se voglio fare qualche sogno,/ soddisfa il mio bisogno,/ mi fa da culla con le sue sponde,/ e mi ninna con le sue onde.

Ultimi Articoli

Scroll Up