Home > La puèšia ad Muratori > La pasèda d’ pumidòr

La pasèda ad pumidòr,
la cumpörta un gran lavór,
però quèla fata at chèša,
la dà una bèla rèša.

E ma nun us täca féla,
che la mi möj sèinza quèla,
l’è ‘na masa imbarlèda,
cla compra lan la pò véda.

An scòrs l’è stè ‘na fèrsa,
la mità l’è ‘ndè pèrsa,
èm fat al bòci tròp pini,
al s-ciupèva cume mìni.

Sla pasèda sóra i mur,
e’ parèva e’ scanadùr,
e i dmandéva i všèin
s’émie smès e’ ninèin.

St’an an li fém s-ciupè,
léa la fà cum ch’ai dég mè,
e per nu ripét la stòria,
ò scrèt un pròmèmòria.

Prima ad tótt e’ mi tésór,
léva té i pumidòr,
epù tai taj e tai sbiónt,
t un pgnatòun zà pròunt.

Dòp a vag avènti mè,
al sò cus ch’ò da fè,
a faz andè e’ mutór,
du ch’a pas i pumidór.

Sè cucèr ai mand zó drèinta,
per séparè pòlpa e smèinta,
té intènt dà e’ straz,
ch’ us šguèla sóra e’ guaz.

La pasèda pu a la mèt,
drèinta al bòci e ti vašèt,
e dòp té t avrè cura,
da fèi fè la bulidura.

Per finì a só mè ch’ai mèt,
ma tót al boci e su quarcèt,
la cura la n’è mai tròpa,
che st’an an vlém ch’al s-ciòpa

Ivano Aurelio Muratori

LA PASSATA DI POMODORO

La passata di pomodoro,/ comporta un gran lavoro,/ però quella fatta in casa,/ dà una bella resa.

E a noi ci tocca farla,/ che mia moglie senza quella,/ è fuori squadro,/ quella compera non la può vedere.

Anno scorso è stata una farsa,/ la mètà è andata persa,/ abbiamo fatto le bottiglie troppo piene,/ scoppiavano come mine.

Con la passata sui muri,/ sembrava lo scannatoio,/ e domandavano i vicini,/ se avevamo smesso il maiale.

Quest’anno non le facciamo scoppiare,/ lei fa come le dico io,/ e per non ripetere la storia,/ ho scritto un promemoria.

Prima di tutto il mio tesoro,/ lava tu i pomodori,/ e poi li tagli e li sbionti,/ in un pentolone già pronto.

Dopo vado avanti io,/ lo so cosa devo fare,/ faccio andare il motore,/ dove passo i pomodori.

Col cucchiaio li mando giù dentro,/ per separare la polpa dai semi,/ tu intanto dà lo straccio,/ che si scivola sul bagnato.

La passata poi la metto,/ nelle bottiglie e nei vasetti,/ e dopo tu avrai cura,/ di fargli fare la bollitura.

Per finire sono io che ci metto,/ a tutte le bottiglie il suo coperchio,/ la cura non è mai troppa,/ che quest’anno non vogliamo che scoppino.

 

Ultimi Articoli

Scroll Up