Home > La puèšia ad Muratori > La pianzùda

La vita l’è un rumanz,/ e dògnitènt ut täca pianz,/ ut va ‘na spèina me còr,/ e agl’jè lagrimi ad dulór.

T pianz pèina t nas,/ e quand e’ mänd t al las,/ o per ‘na fèma trèmènda,/ sèinza gnint dà fè imbrènda.

E’ pianz pr e’ gran dulòr,/ chi ch’u n’à un lavór,/ e chi stà per andè via,/ dòp ‘na länga malatia.

In tènt i pianz per amór,/ qualche vòlta traditór,/ o perché jè da per sé,/ e in sa cum ch’jà dà fé.

Al pianzùdi in tót stal stòrji,/ al pò ès libèratòri,/ al pò dè un quèlc sugliév,/ simbéin che sia brév.

Mètse a pianz quand ch’e’ bšägna,/ u n’è miga vargagna,/ ènca i pjó fòrt dògnitènt,/ i pianz sa di lamèint.

Mo e’ piènt de piangerài,/ un va béin mai e pu mai,/ e’ pianz e’ mòrt e e’ frèga e viv,/ ‘na ròba ch’la fà schiv.

E’ pianz e’ piangulòun,/ sna per fè cumpasiòun,/ e e’ chèm pa tl’abundènza,/ se rèdit ad zitadinènza.

Ivano Aurelio Muratori

La vita è un romanzo,/ e ogni tanto ti tocca piangere,/ ti va una spina al cuore,/ e sono lacrime di dolore.

Piangi appena nato,/ e quando lasci il mondo,/ o per una fame tremenda,/ senza niente da far merenda.

Piange per il gran dolore,/ quello che non ha il lavoro,/ e chi sta per andar via,/ dopo una lunga malattia.

In tanti piangono per amore,/ qualche volta traditore,/ o per ché sono soli,/ e non sanno come devono fare.

I pianti in tutte queste storie,/ possono essere liberatori,/ possono dare qualche sollievo,/ sebbene che sia breve.

Mettersi a piangere quando occorre,/ non è mica una vergogna,/ anche i più forti ogni tanto,/ piangono con dei lamenti.

Ma il pianto del piangolone,/ non va bene mai e poi mai,/ piange il morto e frega il vivo,/ una cosa che fa schifo.

Piange il piangolone,/ solo per fare compassione,/ campa nell’abbondanza,/ col reddito di cittadinanza.

Ultimi Articoli

Scroll Up