Quand che Rémin la è stè fundèda,/ us féva zà la pièda,/ cume pròva u jè rèst,/ di s-ciadur e qualche tèst.

Giuglie Cešèr mi suldè,/ u jà dè al pièdi da magnè,/ e lór sna fòrza dla Madòna,/ ja mòs guèra còuntra Roma.

Mi tèimp ad Malatèsta,/ jà zquèrt la pièda armèsta,/ sla farèi na d’ furmantòun,/ èlta gran bèla invènziòun.

J la déva da magnè,/ mi purèt per sparagnè,/ ch’ui manchè va ènca,/ un pògn d farèina biènca.

La zèinta rafinèda,/ l’à imparè d fèla sfujèda,/ ui vléva un bèl po’ d ztrót,/ e un gn’è n’éra pu per tótt.

Òz in tóta la Rumagna,/ sèinza quèla un si magna,/ sla tèvu la parcèda,/ u j’à da ès sèimpre la pièda.

Per fèla, ‘na bòna azdóra,/ lan gni mèt pjó d mèzóra,/ léa l’è brèva e la fà prèst,/ a druvè s-ciadur e tèst.

Cume fèla léa lal sa,/ la à imparè da la su ma’,/ ch’la la féva pròpie bòna,/ cmè quèla dla su nòna.

Ivano Aurelio Muratori

Quando Rimini è stata fondata,/ si faceva già la piada / come prova c’è rimasto,/ qualche matterello e qualche testo.

Giulio Cesare ai soldati,/ ha dato le piade da mangiare,/ e loro con una forza della Madonna,/ hanno mosso guerra contro Roma.

Ai tempi dei Malatesta,/ hanno scoperto la piada mista,/ con la farina di granturco,/ altra gran bella invenzione.

La davano da mangiare,/ ai poveretti per risparmiare,/ che a loro mancava anche,/ un pugno di farina bianca.

La gente raffinata,/ ha imparato di farla sfogliata,/ ci voleva un bel po’ di strutto,/ e non c’è n’era poi per tutti.

Oggi in tutta la Romagna,/ senza quella non si mangia,/sulla tavola apparecchiata,/ ci deve essere sempre la piada.

Per farla una buona azdora,/non ci mette più di mezz’ora,/ lei è brava e fa presto,/ ad adoperare matterello e testo.

Come fare lei lo sa,/ ha imparato da sua mamma,/ che la faceva proprio buona,/ come quella di sua nonna.

Ultimi Articoli

Scroll Up