Home > La puèšia ad Muratori > La prutèsta de capòun

Mè, capòun am sint mèl,
sa pèins che per Nadèl,
i vó fè e’ bród sa mè,
e in lasa miga andé!

Se l’Artuši l’à scrét,
che per còš bèin i caplét,
ui vò e’ bród de capòun,
u l’à dét sèinza rašòun.

Vót ch’un gni sia un’ènt mòd,
per fè ‘na pgnata ad bród?
Si dadi l’è pjó bòn,
paròla de capòun.

Per e’ bròd an sò l’as,
mè al faz piutóst gras,
l’è culistirol s-cèt,
ch’l’invlèina i caplét.

Dè rèta m’un pataca,
fašil sla chèrna d’ vaca,
a spindì mènc dla mità,
sóratót mèl un vi fà.

Un sarà l’arvèina,
una zunta ad galèina,
però mu me lasém stè,
tènimòdi ò zà dè.

O sina nu fèl de tót,
e i caplèt magnei dà sót,
ch’ l’è un bel magnè,
sèinza scumudè mu mè.

E mè ch’a sò e’ capòun,
am ne frèg dla tradiziòun,
sa jò d’armèt la pèla,
a cumbat per cambièla.

Ivano Aurelio Muratori

LA PROTESTA DEL CAPPONE

Io cappone mi sento male,/ se penso che per Natale,/ vogliono fare il brodo con me,/ e non la smettono mica!

Se l’Artusi ha scritto,/ che per cuocere bene i cappelletti,/ ci vuole il brodo del cappone,/ l’ha detto senza ragione.

Vuoi che non ci sia un’altro modo,/ per fare una pentola di brodo?/ Coi dadi è più buono,/ parola del cappone.

Per il brodo non sono l’asso,/ io lo faccio pittosto grasso,/ e colesterolo schietto,/ che avvelena i cappelletti.

Date retta a un pataca,/ fatelo con la carne di vacca,/ spendete meno della metà,/ soprattutto male non vi fa.

Non sarà la rovina,/ una giunta di gallina,/ però a me lasciatemi stare,/ tanto ho già dato.

E io che sono il cappone,/ me ne frego della tradizione,/ se ci devo rimettere la pelle,/ combatto per cambiarla.

Ultimi Articoli

Scroll Up