Home > Poesia > Ferruccio Benzoni: «La rondine successiva»

Ferruccio Benzoni: «La rondine successiva»

Di burrasca il mare. Il vento
(lo so) centrare vorrebbe spengere
la puerile favilla – quella
scheggia di fiammifero. Ottenebrandomi,
ottenebrando l’anima cosidetta.

Ma dormi. Ravviva se dormi
dai risciacqui melmosi d’uno Stige
in controluce un terrazzo, palpitante. E
noi due dietro quell’apoteosi,
non proprio illesi – non di meno trasognati.

Ferruccio Benzoni (Cesenatico, 1949 – 1997)

Ultimi Articoli

Scroll Up