Home > La puèšia ad Muratori > La sfurièda

Nu aprèsèv ma l’Adriatic,
che òz l’è pòc simpatic,
u jè e’ vènt ad punént,
ch’ul tira d’ògni chènt.

Ui fà muntè d’agl’jändi,
èlti, gròsi e furibondi,
ch’al còr e al vèin òlta,
tót’quanti a brèja siòlta.

Al bóta fóra un s-ciumòun,
ch’al per fati ad savòun,
al squéza da tót i chènt,
e al rènd e’mèr spumègènt.

Quand ch’ui vèin e’ nèrvóš,
l’è piutóst dispètóš,
si spróz ad aqua giaza,
u t’ariva tla faza.

Ut manda via si spintun,
che d’impèt un vò nisun,
quand ch’l’à al madòni,
un vò véda òmne e dòni.

U n’è che sia cativ,
dal vòlti ui vèin a schiv,
tótt quel che l’òm ui fà,
la rašòun u la jà.

Per calmès un gni vò tènt
basta che e’ cambia e’ vèint,
che la pasa d’vulèda,
ènca la su sfurièda.

Quand l’è chèlme e bel piat,
e’ diš ló, burdèll ò fat!
l’artòrna da bon cumpagn,
a fè fè i tóf e’ i bagn.

Ivano Aurelio Muratori

LA SFURIATA

Non avvicinatevi all’Adriatico,/ che oggi è poco simpatico,/ c’è il vento di ponente che lo tira da ogni parte.

Gli fa salire le onde,/ alte, grosse e furibonde,/ che corrono e vengono oltre,/ tutte quante a briglia sciolta.

Buttan fuori uno schiumone,/ che sembran fatte di sapone,/ spruzzano da tutte le parti,/ e rendono il mare spumeggiante.

Quando gli viene il nervoso,/ è piuttosto dispettoso,/ con gli spruzzi di acqua fredda,/ ti arriva in faccia.

Ti manda via con gli spintoni,/ che davanti non vuole nessuno,/ quando ha le madonne,/ non vuol vedere uomini e donne.

Non è che sia cattivo,/ delle volte gli viene a schifo,/ tutto quello che l’uomo gli fa,/ la ragione ce l’ha.

Per calmarsi non ci vuole tanto,/ basta che cambi il vento,/ che passa di volata,/ anche la sua sfuriata.

Quando è calmo e bel piatto,/ dice lui, ragazzi ho fatto!/ Ritorna da buon compagno,/ a far fare i tuffi e i bagni.

Ultimi Articoli

Scroll Up