Home > La puèšia ad Muratori > La stòria di caplét

I caplét tla Rumagna,/ l’è da parèć ch’is magna,/ zà te mélaquatrézènt,/ j magnèva dà tót i chènt.

Un gn’è da dubitè,/ ch’i fós arvat fin iqué,/ ma la còrta ad Malatèsta,/ cume piat per ògni fèsta.

Tòtavì, uficialmèint,/ j cumpèr ti prim dl’òtzént,/ quand e’ Prèfèt d’ Furlè,/ ma Napuleòn ui scriv isé:

Iqué sgnur e purétt,/ i va mat per i caplét,/ is ne magna per Nadèl,/ na di piat mo di quintèl.

Jè di rubèt pròpi blin,/ fat ad spòja se rimpin,/ ad òvi, arcòta e furmaj,/ che ma tót i pièš che maj.

Is ne magna dal zantnéra,/ ‘na róba ch’lan pèr véra,/ jè ilé per s-ciupè,/ mo d’ magnè in lasa andè.

L’è stè da che mumèint,/ ch’u s’à un ducumèint,/ du che rišulta scrét,/ che a Rémin us fà i caplét.

Òz però us fà e’ rimpin,/ se vidèl, capòun, baghin,/ impastèd sa òvi e fòrma,/ e furmaj, cumè ad nòrma.

U j’è chi in verità,/ ui fà cume dušènt an fà,/ sa drèinta sna e’ furmaj,/ ch’u n’è da véra un šbaj.

Si caplét ch’a fašém nun,/ te cucèr ui ne stà un,/ da Bulägna pu só só,/ te cucèr ui ne sta dò.

J’ à ardót la dimènsiòun,/ per la bòna rašòun,/ ch’ j’à e’ buš de gäz strèt,/ un gni pò pasè un caplèt.

Isé che lór purèin,/ i s’arangia si turtlèin,/ ch’jè pròpie di rubèt,/ insäma di mini caplét.

Ivano Aurelio Muratori

LA STORIA DEI CAPPELLETTI

I cappelletti in Romagna,/ è da tanto che si mangiano,/ già nel millequattrocento,/ li mangiavano da tutte le parti.

Non c’è da dubitare,/ che fossero arrivati fin qui,/ alla corte di Malatesta,/ come piatto per ogni festa.

Tuttavia ufficialmente,/ compaiono nei primi dell’Ottocento,/ quando il Prefetto di Forlì,/ a Napoleone gli scrive così:

Qui signori e poveretti,/ vanno matti per i cappelletti,/ se ne mangiano per Natale,/ non dei piatti ma dei quintali.

Sono dei cosini proprio belli,/ fatti di sfoglia col ripieno,/ di uova, ricotta e formaggio,/ che a tutti piacciono che mai.

Se ne mangiano delle centinaia,/ una cosa che non sembra vera,/ stanno per crepa re,/ ma di mangiare non smettono.

È stato da quel momento,/ che si ha il documento,/ dove risulta scritto,/ che a Rimini si fanno i cappelletti.

Oggi però il ripieno,/ si fa con vitello, cappone, maiale,/ impastati con uova e forma,/ e formaggi, come di norma.

C’é chi in verità,/ li fa come duecento anni fa,/ con dentro solo il formaggio,/ che non è davvero uno sbaglio.

Coi cappelletti che facciamo noi,/ nel cucchiaio ce ne sta uno,/ da Bologna poi su su,/ nel cucchiaio ce ne stanno due.

Hanno ridotto la dimensione,/ per la buona ragione,/ che hanno il foro del gozzo stretto,/ e non ci può passare un cappelletto.

Così che loro poverini,/ si arrangiano coi tortellini,/ che son proprio dei robetti,/ insomma dei mini-cappelletti.

Ultimi Articoli

Scroll Up