Home > La puèšia ad Muratori > La stòria dl’ Astoria

A sém zèinta furtunèda,
sl’Astoria iqué tachèda,
l’è ‘na cumudità,
che tènt purtròp j n’à.

Us trata d’na strutura,
in mudèrna muradura,
custruida t jan stènta,
per acuntèntè la zèinta.

Dòp ad ché e’ Quint Peep,
ad struturi l’è pin zèp,
ciša, bènca, farmacia,
Astoria e tabachèria.

Un bel cino sa dó séli,
si tapèt zó per al schèli
sal pultròuni mèj de lèt,
e’ ‘na sèla d’aspèt.

U jè e’ tèatre, enca se,
u n’à mai funziunè,
ch’um saria piasù che maj
véda ilé la Batterfly.

A prupòšit ad tèatre,
òz Rémin u n’à quatre,
quel dl’Astoria e’ pò ès,
che a cunt fat e’ pòsa crès.

E se al ròbi al stés isé
‘na prupòsta a la faz mé:
quèl ch’ilé l’è perfèt,
per al cumèdi in dialèt.

E’cino furtunatamèint,
l’è ‘ndè pèrfètamèint,
sal sèli sèimpre pini,
tènt ch’al parèva znini.

J’andéva vulèntiér,
jabitènt de quartièr,
e quii chi stéva fóra,
pjó vulèntiér incóra.

L’éra un cino bèlèsim,
uguèl de Mudèrnèsim,
de Metropol, de Sètbèl,
ch’i n’éra miga mèl.

J’éra in tènt ch’javniva,
da e’ Ghét Turc, da Belariva,
ènca zó da Mont Sgripòun,
per asèst mal prujeziòun.

E’ cino té dumèlaòt,
e’ sëra l’ós, e’ ciud ad bòt,
da e’ mumèint che e’ gestór,
e’ dà forfait sa che lavòr.

E pu in l’à gestì nisun,
l’é artòrne me cumun,
dòp quing an ch’l’è stè ciuš,
u l’armèt d’arnòv in uš.

Mè an gni spèrèva pjó,
a géva quèl e’ vèin zó,
difati da e’ curnišòun,
l’é casc quèlc madòun.

La zèinta ch’la pasèva,
tra i dèint la šmuclèva,
e la prighèva e’ Signór,
ch’ii fašès qualche lavór.

Arciamèda l’atènziòun,
jà fat la manutènziòun,
jà mès dä sèci ad mèlta,
in mòdi ch’un s’arbèlta.

E finalmèint us sà,
ma cosa e’ sèrvirà:
per spètècul ed èvèint,
mòstri, cino, bal e chènt.

Adèss a stém da véda,
se l’Astoria l’è salvéda,
zaché quèsta per la zèinta,
la è davéra impurtèinta.

Ivano Aurelio Muratori

LA STORIA DELL’ ASTORIA

Siamo gente fortunata,/ con l’ Astoria qui vicino,/ è una comodità,/ che tanti purtroppo non hanno.

Si tratta di una struttura,/ in moderna muratura,/ costruita negli anni settanta,/ per accontentare la gente.

Dopo di che il Quinto Peep,/ di strutture è pieno zeppo,/ chiesa, banca, farmacia,/ Astoria e tabaccheria.

Un bel cinema con due sale,/ coi tappeti giù per le scale,/ con poltrone meglio del letto,/ e una sala d’aspetto.

C’è il teatro, anche se,/ non ha mai funzionato,/ che mi sarebbe piaciuto che mai,/ veder lì la Butterflay.

A proposito di teatri,/ oggi Rimini ne ha quattro,/ quello dell’ Astoria può essere,/ che a conti fatti possa crescere.

E se le cose stessero così,/ una proposta la faccio io:/ quello lì è perfetto,/ per le commedie in dialetto.

Il cinema fortunatamente,/ è andato perfettamente,/ con le sale sempre piene,/ tanto che sembravano piccole.

Ci andavano volentieri,/ gli abitanti del quartiere,/ e quelli che stavano fuori,/ più volentieri ancora.

Era un cinema bellissimo,/ uguale al Modernissimo,/ al Metropol, al Settebello,/ che non erano mica male.

Erano in tanti che venivano,/ da Rivabella a Bellariva,/ anche giù da Monte Sgrippone,/ per assistere alle proiezioni.

L’Astoria nel duemilaotto,/ serra l’uscio chiude di botto,/ dal momento che il gestore,/ dà forfait con quel lavoro.

E poi non l’ha gestito nessuno,/ è ritornato al comune,/ dopo quindici anni che è stato chiuso,/ lo rimette di nuovo in uso.

Io non ci speravo più,/ dicevo quello viene giù,/ infatti dal cornicione,/ è caduto qual che mattone.

La gente che passava,/ tra i denti smoccolava,/ e pregava il signore,/ che ci facessero qualche lavoro.

Richiamata l’attenzione,/ hanno fatto la manutenzione,/ c’han messo due secchie di malta,/ in modo che non si ribalti.

E finalmente si sa,/ a cosa servirà:/ per spettacoli ed eventi,/ mostre, cinema, balli e canti.

Adesso stiamo a vedere,/ se l’Astoria è salvata,/ già che questa per la gente,/ è davvero importante.

Ultimi Articoli

Scroll Up