Home > La puèšia ad Muratori > L’apèl de capòun

E’ diš isé e’ capòun:/ mè ò la preòcupaziòun,/ che tót stal festi ad Nadèl,/ lim pòsa purtè mèl.

Tènimòdi la è fata!/ A sò bòn per la pgnata,/ e Sant Antoni e’ mi sènt,/ us zira da cl’ èlt chènt.

Mè a sò iqué ch’am ród,/ perché an vòj fnì te bród,/ l’è un’ènta puniziòun,/ ch’im dà dòp la castraziòun.

Im ciapa, im tira e’ còl,/ e pu im spèna e im mèt a mòl,/ drèinta l’aqua bulèinta,/ s’ òi da dì: os-cia ad zèinta!

L’é isé ch’am la pas,/ im fà sèc quand a sò gras,/ mo se prima i me géva,/ mè sè caz ch’a magnèva.

Nisun l’à cumpasiòun,/ e per mè pòri capòun,/ la strèda la è zà fata,/ lam pòrta drét tla pgnata.

Se per mè a pruvè pèina,/ u jè ènca la galèina,/ ch’l’è bòna per e’ bród,/ tulì ma esa faši mòd.

Mè a lènz l’utme apèl,/ a l’arvòlz ma bab Nadèl:/ salvè janimèl da pènna,/ e e’ bród févle sla rénna.

Ivano Aurelio Muratori

L’ APPELLO DEL CAPPONE

Dice così il cappone,/ io ho la preoccupazione,/ che tutte queste feste di Natale,/ mi possano portar male.

Tanto è fatta!/ Sono buono per la pentola,/ e Sant’ Antonio, il mio santo,/ si gira dall’altra parte.

Io sono qui che mi rodo,/ perché non voglio finire nel brodo,/ è un’altra punizione,/ che mi fanno dopo la castrazione.

Mi prendono, mi tirano il collo,/ e poi mi spennano e mi mettono a mollo,/ dentro l’acqua bollente,/ cosa devo dire: osta che gente!

È così che me la passo,/ mi fanno secco quando son grasso,/ ma se prima me lo dicevano,/ io col cazzo che mangiavo.

Nessuno ha compassione,/ e per me povero cappone,/ la strada è già fatta,/ mi porta dritto nella pentola.

Se per me provate pena,/ c’è anche la gallina,/ che è buona per il brodo,/ prendete essa, fate a modo.

Io lancio l’ultimo appello,/ lo rivolgo a babbo Natale:/ salvate gli animali da penna,/ e il brodo fatevelo con la renna.

Ultimi Articoli

Scroll Up