Home > La puèšia ad Muratori > L’aqua dla Sacramòra

L’aqua dla Sacramòra

E’ canèl dla Sacramòra,
a Višèrba e’ bòta incóra,
du che l’èrca ad San Zulièn,
l’è arvata un tèimp luntèn.

Ilé u jè la surzèinta,
d’un’aqua guaši sènta,
ch’la fa bòn e l’arsèna,
quand e’còrp e’ pèna.

L’è ligéra, pura e’ léssa,
l’aiuta a fè la péssa,
us ne pò bé ‘na masa,
che tènimòdi la pasa.

La va zó e la pulés,
e la pòrta via sè pés,
la brèssa ch’u s’à drèinta,
che sina la zimèinta.

La fà bòn ènca mi rén,
che s’jè pin ad sasulèin,
la i s-ciòj cmè la néva,
sinó ch’jè ch’ui chéva?

La cura ènca la gòta,
bšägna bèvla dé e nòta,
e la fà sóbit èfèt,
zaché us péssa te lèt.

La fà ènca dimagrì,
e pèrò ò sinti dì,
che a bé sèinza magné,
u jè mèzi da s-ciupè.

La va bivuda a digiun,
tré o quatre biciarun,
apèina alzéd ògni matèina,
ad uš dna midizèina.

L’è un’aqua miraculóša,
bòna per qualunque cösa,
e da ultme u jè da créda,
bòna ènca per la séda.

Ivano Aurelio Muratori

L’ ACQUA DELLA SACRAMORA

Il cannello della Sacramora,/ a Viserba butta ancora,/ dove l’arca di San Giuliano,/ è arrivata un tempo lontano.

lì c’è una sorgente,/ di un’acqua quasi santa,/ che fa bene e risana,/ quando il corpo pena.

È leggera, pura e liscia,/ aiuta a orinare,/ se ne può bere molta,/ che tanto passa.

Va giù e pulisce,/ porta via col piscio,/ la ghiaia che si ha dentro,/ che se no cementa.

Fa bene anche ai reni,/ che se sono pieni di sassolini,/ li scioglie come la neve,/ se no chi li cava?

Cura anche la gotta,/ bisogna berla giorno e notte,/ fa subito effetto,/giacché si piscia nel letto.

Fa anche dimagrire,/ e però ho sentito dire,/ che a bere solo e non mangiare,/ c’è mezzo di crepare.

Va bevuta a digiuno,/ tre o quattro bicchieroni,/ appena alzati ogni mattina,/ ad uso di una medicina.

È un’acqua miracolosa,/ buona per qualunque cosa,/ da ultimo c’è da credere,/ che sia buona anche per la sete.

Ultimi Articoli

Scroll Up