Home > La puèšia ad Muratori > L’autòn ch’l’avènza

Us véd bèin che ‘l zurnèdi,/ òramai agl’ jè cambièdi:/ zél ciarghin, nòvli arzèint,/ un sól šmòrt, fulèdi d vèint.

E’ mèr l’è dvèint vérdin,/ da che in zógn l’éra turchin,/ l’è guaši sèimpre mòs,/ e da piat u s’è fat gròs.

E’ pòrt l’è pin d’chuchèl,/ mo in sfrèza só te zél,/ i stà tl’aqua infrèdulid,/ dògni tènt qualcun e’ strid.

La zèinta sla palèda,/ la camèina ranicèda,/ sa mados e’ majunzin,/ per fè fròunt me frischin.

L’èria la è giaza,/ e’ casca zà la guaza,/ u jè un po’ d’umidità,/ che tènt bèin lan fà.

Sla spiagia óramai dèšèrta,/ us véd n’umbrèla vérta,/ un puntìn in luntanènza, l’è l’autòn ch’l’avènza.

Invrucèd int e’ calig,/ e’ saluta cmè n’amig,/ e us mòv sna camnèda,/ straca e strascinèda.

Cl’umbrela l’è e’ signèl,/ ch’l’è fnid e’ tèimp bèl,/ zà che a partì d’adès,/ e’ piuvarà pjó spés.

Ivano Aurelio Muratori

Si vede bene che le giornate,/ ormai sono cambiate,/ cielo grigio, nubi argento,/ sole spento, folate di vento.

Il mare è diventato verdino,/ da che in giugno era turchino,/ è quasi sempre mosso,/ e da piatto si è fatto grosso.

Il porto è pieno di gabbiani,/ ma non sfrecciano su nel cielo,/ stanno nella acqua infreddoliti,/ ogni tanto qualcuno stride..

La gente sulla palata,/ cammina rannicchiata,/ con addosso il maglioncino,/ si fa sentire il freschino.

L’aria è fredda,/ cade già la rugiada,/ c’è un po’ di umidità,/ che tanto bene non fà.

Sulla spiaggia ormai deserta,/ si vede un ombrello aperto,/ un puntino in lontananza,/ è l’autunno che avanza.

Avvolto nella foschia,/ saluta come un amico,/ e si muove con una camminata,/ stanca e trascinata.

Quell’ombrello è il segnale,/ che è finito il tempo bello,/ già che a partire da adesso/ pioverà più spesso.

Ultimi Articoli

Scroll Up