Home > Cronaca > Lavoratori in nero al Mojito di Riccione. I titolari li regolarizzano e riaprono

Lavoratori in nero al Mojito di Riccione. I titolari li regolarizzano e riaprono

Solo 1 dipendente su cinque in regola e gli altri tutti in nero. Succede al Mojito di Riccione, dove i Carabinieri al termine di alcuni controlli di routine hanno imposto di fatto la chiusura al locale.

I titolari hanno però regolarizzato subito le posizioni dei lavoratori e potranno già rialzare le serrande.

Avevano tempo fino al 18 luglio per farlo e in caso contrario i titolari la legge avrebbe previsto per i titolari l’arresto da 3 a sei mesi e una sanzione di 7.000.

I carabinieri della Perla avevano apposto i sigilli al locale della zona Marano ieri a mezzogiorno, a seguito di un sopralluogo di ruotine effettuato in precedenza. Durante il quale era stato accertato che solo una cameriera, di nazionalità italiana, era stata assunta in regola. Non lo erano gli altri quattro, tutti stranieri. Si trattava di un pakistano, un romeno, un nigeriano e un senegalese. Niente denuncia all’Inail e parecchio da ridire anche sui documenti di lavoro. Il gestore del locale aveva subito promesso ai militari che avrebbe sistemato tutto nel più breve tempo possibile, e così è stato.

Ultimi Articoli

Scroll Up