Home > Politica > Le foto rubate a Giulia Sarti sono ancora on line e gli sciacalli ne approfittano

Le foto rubate a Giulia Sarti sono ancora on line e gli sciacalli ne approfittano

Sulle disavventure di Giulia Sarti si accaniscono gli sciacalli. Su messaggerie come WhatsApp c’è chi sta facendo girare foto della parlamentare riminese. Che genere di foto, ogni spregiativo è inadeguato, tanto immondo e vile è l’atto. 

«Io le ho dato una mano – ha dichiarato ai magistrati durante il suo interrogatorio fiume l’ex-compagno e collaboratore della Sarti Bogdan Tibusche, alias Andrea De Girolamoper rimuovere dalla rete il materiale. In pochi giorni, con la polizia postale, abbiamo rimosso i contenuti».

Un gran bell’aiuto, dal momento che le immagini in questione sono ancora in rete e visibili da tutti. Furono caricate in un sito di hosting di foto hard un 30 aprile (non si capisce di quale anno) e sono ancora lì. E qualcuno ha deciso di rispolverarle proprio adesso per farle circolare anche nel mondo politico riminese e fra  i mezzi di informazione. 

Il 24 aprile 2013 un gruppo di hacker (firmandosi hackerdelpd.bitbucket.org) che si autodefiniva «vicino al Pd» (un depistaggio, come parve a tutti) pubblicò online un link che rimandava a tutta la corrispondenza mail della deputata M5S: oltre 1 GB di dati, con oltre 8 mila post, compresi i più privati, scambiati per anni e anni. La Sarti alla prima notizia aveva parlato di «bufala», ma poi alla diffusione effettiva dei dati aveva sporto denuncia. Il 30 aprile del 2013 un “Anonimo” aveva pubblicato le foto più intime sull’hosting. Dove, incredibilmente, sono tutt’ora visibili.

Si appurò poi che l’indirizzo mail di Giulia Sarti non era stato “forzato” nel vero senso della parola, ma che qualcuno aveva semplicemente utilizzato la password corretta, dopo esserne entrato in possesso chissà come: o con apposite applicazioni (ma che solo hacker altamente specializzati posseggono) o per essere a stretto contatto con la vittima. Ma da allora il nome del colpevole non è mai venuto fuori e sulla vicenda è calato il silenzio.

Fino a oggi, quando qualcuno se n’è ricordato per assestare il colpo di grazia alla carriera politica di Giulia Sarti. Sempre ammesso che la politica sia questo.

Ultimi Articoli

Scroll Up